lunedì 17 ottobre 2016

jumberjanes ~ vol. 1 guardatevi dal sacro micio, vol. 2 amicizia al massimo, vol. 3 un piano orribile

io ricordo perfettamente l'emozione quando uscì il primo numero di w.i.t.c.h.: ero contentissima, ero sicura di avere tra le mani il fumetto che avevo sempre desiderato e nemmeno lo sapevo bene, spruzzavo fuori entusiasmo da ogni poro. lo presi una mattina prima di entrare a scuola e non riuscivo a concentrarmi su nulla, stavo solo a fissare la copertina e a pregustarmi il momento in cui sarei riuscita finalmente a leggerlo.
quindici anni - e svariate tonnellate di fumetti letti - dopo, mi ritrovo esattamente come allora, a tenere in mano il primo numero (a dire il vero i primi tre, ma ok lo stesso) di quella che so fin dal primo sguardo alla copertina che sarà una delle mie serie preferite di sempre, una di quelle che continuerò a ricordare anche tra quindici, venti, trent' anni (oltre non mi sbilancio che mi pare di esagerare poi, manco so se ci arrivo).

(se pensate che non ci si possa innamorare così di un fumetto, mi spiace un po' per voi)

digressioni a parte, durante gli sconti bao ho approfittato per recuperare lumberjanes, una di quelle cose per cui rosicavo con rabbia e frustrazione da millenni. amazon ci ha messo il carico da undici (non chiedetemi perché di dice così, in ogni caso è un modo per far intendere che si aggiunge sempre rosicamento a rosicamento) e i fumetti sono arrivati dopo circa tre settimane per via di un libro - del misterioso recensore, oltretutto - che ancora non è arrivato, ma ci hanno fatto aspettare comunque.
continuo a parlare di fuffa.
dunque.

lumberjanes è una megacicciofigatissima col botto, una roba pazzesca, bellissima, divertentissima e un sacco di altri aggettivi pieni d'entusiasmo che finiscono in -issima.
vi racconto per sommi capi (senza spoiler insomma) cosa succede nei tre volumi usciti fino ad adesso e poi vi spiego il perché di tanto entusiasmo.


e ci siamo! siamo nel campo per ragazze tipe dure del tortino di cardo di miss qiunzella thiskwin penniquiqul, ovvero il campo delle lumberjanes, le tipe dure capaci orientarsi di notte nei boschi, accendere fuochi all'aperto e che sopratutto sanno che la cosa più importante per ogni lumberjane è l'amicizia. cinque amiche, jo, mal, april, molly e ripley sono intenzionate a passare una vacanza strepitosa, per quanto questo voglia dire far impazzire la propria tutor jen, andare fuori dal campo negli orari proibiti, affrontare volpi con tre occhi, serpenti di fiume grossi come mostri marini e boy scout bipolari.
beh sì, alle nostre ne capitano davvero di tutte, sembrano la calamita delle situazioni più assurde e improbabili del mondo ma sono forti, coraggiose, intelligenti e determinate. sanno tirarsi fuori da qualsiasi pasticcio perché l'unione fa la forza e insieme, ognuna con le proprie doti, sono una squadra davvero imbattibile. e anche se qualcosa di molto, mooolto grosso sta per accadere, nulla potrà rovinare la loro amicizia!


in questo volume si chiude in qualche modo il primo arco narrativo, si scopre il mistero legato alle strane creature apparse all'inizio della storia e le nostre eroine si ritrovano a lottare contro qualcosa di veramente... incredibile! dinosauri inclusi!
nel frattempo si fa sempre più interessante e misterioso il collegamento tra la donna orso e la direttrice del campeggio, che evidentemente nasconde qualcosa.
anche se buona parte delle cose assurde attorno al campo sembrano essere sparite, c'è un nuovo mistero su cui le lumberjanes possono cominciare a indagare.


dopo aver praticamente salvato il mondo, alle lumberjanes è concesso un attimo di pausa, una giornata libera, così, mentre mal e molly possono finalmente dedicarsi al loro pic-nic (oh, ok, devo dirlo: sono una coppia adorabile e io le shippo tantissimo), jo, april e ripley possono dedicarsi alle attività che permetteranno loro di vincere dei nuovi distintivi - cosa mooolto importante per una vera lumberjane. ma quando sei un'avventuriera capace di sconfiggere mostri e salvare il mondo, è incredibilmente difficile ottenere un distintivo per il miglior scrapbook...
nel frattempo il pic-nic di mal e molly, cominciato nel più romantico dei modi, viene stravolto dall'avvistamento della donna orso, che sparisce dentro... un wc fuori uso! cosa diamine nasconde quella donna? il miglior modo per saperlo è seguirla! e cacciarsi in qualche guaio, ovvio.
i misteri sul passato del campo delle lumberjanes si infittiscono, aspettare l'uscita del prossimo volume è veramente difficile. forse ci meritiamo in distintivo come riconoscimento per essere dei lettori pazienti?
beh, in fondo non toccherà aspettare tanto, visto che il prossimo volume arriverà in italia il prossimo mese (più o meno).

il giuramento delle lumberjanes

lumberjanes è davvero la serie che dovrebbero leggere tutte le ragazze, non importa a che età. io sarei davvero impazzita di gioia se avessi avuto tra le mani questi fumetti quindici anni fa, ma impazzisco anche adesso, quindi posso dire con tranquillità che, anche se le protagoniste sono delle adolescenti, ci si innamora di loro anche se adolescenti non lo si è più. o forse sono io che non riesco a tirarmi fuori da quell'età. in tal caso voglio restarci ancora a lungo.
non è facile parlare di questa serie senza fare spoiler, le avventure delle nostre tipe toste sono davvero fuori dal comune e regalano continue sorprese, pagina dopo pagina, ma qualche riflessione posso farla senza rovinarvi la lettura.

jo, mal, april, molly e ripley sono l'esempio perfetto di quanto sia importante l'amicizia, quella vera e sincera, quanto sia importante credere in sé stessi, anche se a volte viene il dubbio di non essere abbastanza, perché è proprio quella la vera forza, la voglia di migliorarsi, di essere di più, per sé stessi e per quelli a cui vogliamo bene.
sono ragazze forti, indipendenti, piene di interessi per la natura e i misteri che nasconde, sono pronte all'avventura, sono pronte a fare squadra, ad aiutarsi sempre e a vincere. sono ragazze che insegnano alle ragazze che non ci sono solo le paranoie davanti a uno specchio, non ci sono solo i tormentati amori adolescenziali, non c'è solo l'essere carina, buona, brava. le ragazze, come i ragazzi, possono essere tipe toste, in grado di cavarsela senza cavaliere, capaci di prendere in mano le redini della propria vita e vivere avventure meravigliose. si può cercare un messaggio migliore in questo periodo in cui c'è chi sventola ancora le bandiere sugli stereotipi di genere (una ragazza non fa certe cose! una ragazza non si comporta così! una ragazza non si veste in quel modo!), in un momento storico in cui un ministro della salute dice che è colpa delle donne che studiano più di prima e vogliono ottenere ruoli che sono sempre stati prerogativa maschile (è davvero scritto così, giuro)?
questo tipo di messaggio credo sia fondamentale per le ragazze che crescono bombardate di messaggi che dicono loro di doversi preoccupare solo di piacere e compiacere, ragazze che dovrebbero capire che certa roba è solo cacca di cui liberarsi il prima possibile, per imparare a essere sé stesse e godersi la vita al massimo.


mi è piaciuto molto, anche, il fatto che le autrici non le abbiano volute caratterizzare fin dall'inizio con i soliti stereotipi che hanno i fumetti di questo genere (penso a w.i.t.c.h. a anche a my little pony: friendship is magic), come quella più razionale, quella più timida, quella più diligente eccetera. sono ragazze le cui personalità si scoprono durante le vicende, che non agiscono in base al loro personaggio, ma che lasciano che le loro capacità e i loro caratteri vengano fuori durante la storia, il che le rende ancora più reali, più vere, più complete. e fa sì che tutta la storia risulti più emozionante e sorprendente.
credo proprio che lumberjanes sia la svolta tra i fumetti per ragazze, che sia sopratutto un fumetto per ragazze e per ragazzi, per adolescenti e per adulti, imperdibile per chiunque, a qualsiasi età, qualunque sia il tipo di fumetti che ami leggere, una roba che supera ogni etichettatura possibile. perché in lumberjanes, in mezzo a mille assurdità, c'è più vita vera di quanto si possa immaginare.

13 commenti:

  1. Bellissime! Anche io ho adorato i primi 3 volumi, il personaggio che amato di più in assoluto è stata Ripley, anche se è stata un vera battaglia. Non vedo l'ora di leggere il quarto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ripley è meravigliosa! anche io ho un debole per lei, ma non riesco assolutamente a scegliere una preferita, mi piacciono proprio tutte e mi piacciono come gruppo! *u*

      anche io voglio il quarto! lo voglio subito! aaaarrrgh! >v<

      Elimina
  2. Sembra carino, voglio dargli un occhiata dal vivo, prima di decidere se prenderlo.
    Buone letture!!!
    p.s. le prime storie delle W.I.T.C.H erano meravigliose <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bellissimissimo! fidati! appena vai in libreria/fumetteria dacci un'occhiata, te ne innamorerai subito!

      anche io amavo le prime storie di witch... poi lo abbandonai, diventò troppo simile a un giornalino di moda per adolescenti a scapito del fumetto ;_;
      che peccato!

      Elimina
  3. Buondì! ^^ Sono tornata dopo un po' di tempo a dare un'occhiata, e anche se non ho potuto leggere troppo delle letture randomiche perché sono rimasta indietro in questi ultimi mesi ;-; (ma recupererò presto!), ho dato un'occhiata qui. Di quesa autrice vorrei recuperare prima Nimona, comunque c'è una cosa che ci tengo a dire: WITCH non era assolutamente un mucchio di stereotipi e basta XD Scherzi a parte, ricordo che anche tu lo hai sempre lodato e mi ha un po' stupito quello che hai scritto sui semplici stereotipi che WITCH avrebbe rispetto alle grandezze di questa serie. Fortunatamente anche prima degli anni duemila e di queste autrici esistevano già serie, romanzi e fumetti per ragazze con ragazze tostissime che oltre che ai fidanzati, gli amori e le turbe sull'aspetto (che penso proprio concordiamo siano le prime due cose umane, la terza qualcosa di cui si farebbe volentieri a meno pur essendo probabilmente impossibile riuscirci del tutto), si occupavano anche di molto altro, andavano avanti nella vita con determinazione e mettevano l'amicizia al primo posto. Oltretutto si tratta di storie che a loro volta erano talvolta lette pure da maschi, quindi superavano tranquillamente il genere XD E niente, abbi pazienza ma leggendo il finale del post non ce l'ho fatta a trattenermi dal precisare questa cosa ^^

    Ah, un'ultima cosa: sono d'accordo con te sul fatto che ci sia ancora chi ha idee medioevali sulla donna, solo, ho a che fare con bambine delle elementari quasi quotidiniamente e posso dirti che pur amando spesso principesse, colore rosa e brillantini allo stesso tempo amano anche cose molto diverse e non si fanno troppo toccare da quei punti di vista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao mel, bentornata! ^_^
      dunque io non ho detto che witch o mlp siano ammassi di stereotipi e che facciano schifo. sono due serie che amo follemente da sempre.
      intendevo dire che i personaggi, fin dal primo momento, ci vengono presentati con un determinato profilo, e quello rimane. sono stereotipati nel senso che, ad esempio, cornelia è la tipa elegante e un po' snob, e si comporta esattamente da tipa elegante e un po' snob, così come hay lin è quella creativa o irma quella più compagnona.
      insomma, sono personaggi che puoi descrivere con una parola sola, e al 90% ci hai preso.
      non che questo renda queste serie brutte, ci mancherebbe, lo ripeto per la millesima volta, mi piacciono moltissimo.
      ma lumberjanes, secondo il mio personalissimo punto di vista (che è l'unico che posso esprimere non essendo altri che me) è a un altro livello.

      e sì, anche io sono cresciuta con le principesse, amo tutt'ora (a poco meno di trent'anni) il rosa e i peluche e tutto quello che è carino e coccoloso, adoro i film disney dove ci sono quelle bellissime elegantissime favolose principesse e non sono di certo una ragazza il cui unico pensiero è se piacerò abbastanza agli uomini così che il mio principe venga a cambiarmi la vita mentre il passivamente accetto quello che lui decide.
      però so con certezza che mi avrebbe fatto piacere leggere qualcosa così anche quando ero più piccola e penso che farebbe piacere a un sacco di ragazzine leggere dei fumetti così (per quanto principesse disney, witch, my little pony, shoujo manga eccetera siano la mia passione e mai e poi mai direi che le ragazzine non devono essere romantiche o affascinate dalle storie d'amore o dai vestiti da principessa).
      magari a qualcuna non cambierebbe nulla, magari a qualcuna sì.

      Elimina
    2. ps. non sto dicendo neanche che lumberjanes è il primo fumetto al mondo in cui ci sono ragazze toste. sto dicendo che, nel suo genere, è molto mooolto bello. e che se fosse uscito quindici anni fa, la me stessa quindicenne sarebbe stata davvero felice di leggerlo.

      Elimina
    3. Pensandoci, volendo si potrebbero fare pure liste di manga e libri (di fumetti occidentali a conti fatti ne ho letti molto meno, quindi possiedo meno conoscenze al riguardo) degli anni '90 e precedenti con protagoniste meritevoli che pur avendo caratteri riconoscibili, con il tempo si sviluppano sempre di più e in modo anche inatteso, rimanendo sempre comunque se stesse. Se scrivessi ancora il blog probabilmente mi verrebbe una gran voglia di scrivere a riguardo in effetti! ^^ Comunque in un prossimo futuro magari proverò anche questo, in caso poi ti faccio sapere cosa ne penso! :)

      Elimina
    4. sì, penso sia possibile farlo. d'altro canto non ho detto che mai nessuno prima d'ora aveva creato personaggi femminili che non fosse principesse o fate o chissà cosa.
      ho detto che lumberjanes è assolutamente unico nel suo genere, almeno per quello che ho letto io, tra fumetti orientali e occidentali.

      Elimina
  4. mmm, forse non ho afferrato bene....mi pare di capire ti sia piaciuto.... ^_____^

    RispondiElimina
  5. oddio no. non dirmelo. un'altra serie da iniziare?! quanti volumi saranno in tutto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo non lo so ;_;
      so solo che a novembre uscirà il quarto volume. per il resto, ad essere sincera, non so raccapezzarmi molto con i volumi americani (tra spillati e collection entro un po' in panico), però da una ricerca su bookdepository in america escono a gennaio il 5° e ad aprile il 6°. non so se la serie finisce lì, ma almeno non c'è una frequenza di uscite troppo alta ^_^

      e comunque sì: è assolutamente un'altra serie da iniziare!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...