martedì 4 dicembre 2018

nina che disagio | nina day

- sento di non avere più il controllo sulla mia vita.
- ahahahah! ma sentitela! come se lo avessi mai avuto!


avete presente quella storia per cui ogni persona che incontriamo sta combattendo una battaglia di cui non sappiamo niente eccetera eccetera? beh, nina è più che altro impegnata in una guerra infinita che si frammenta momento per momento in una sequela infinita di battaglie campali contro ogni-singola-cosa che le succede durante la giornata.
o se preferite, contro la sua timidezza, il suo senso di inadeguatezza, la sua sensazione di essere sempre al momento sbagliato nel momento sbagliato e per di più con un enorme freccia luminosa che la punta da sopra la testa così che tutti possano rendersi conto di ogni figuraccia che fa.
non so quanto possiate riconoscervi in questa descrizione, ma è inevitabile che tutti più o meno, almeno una volta nella vita (dai, se è stata veramente solo una o siete molto molto giovani, o siete benedetti dagli dei) ci siamo sentiti così, tremendamente a disagio, e sfido chiunque a non aver pensato oh, quanto vorrei essere più sicuro di me, più bravo, quanto avrei voluto rispondere per le rime a quello lì, quanto avrei voluto essere meno imbranato, quanto vorrei essere capace di attaccare bottone con naturalezza... e non vi è mai capitato di confidarvi con un perfetto sconosciuto incontrato un attimo per strada? insomma, non vi confidereste con un'adorabile vecchietta che vi ferma per strada per chiedervi cosa c'è che non va?
beh, questo è quello che succede a nina, non fosse che la vecchietta in questione non è esattamente la tipica vecchietta che poi ricambia il favore raccontandovi per filo e per segno dei suoi problemi di artrosi, anzi.

il giorno dopo una sfilza di fallimenti la nostra wannabe illustratrice (che non è riuscita a trovare un lavoro, né a evitare gli istinti omicidi del cagnolino della sua vicina di casa né meno che mai a parlare con un ragazzi carino senza sembrare una perfetta idiota) si risveglia accanto a... se stessa.
ma una se stessa che della nina originale ha solo l'aspetto: la nuova nina è sicura di sé al limite della sfrontatezza, sa risolvere ogni problema ed è pronta a rendere la vita di nina (quella vera) migliore di quanto lei non abbia mai sperato! yeee! tutto risolto!
oppure... no?

ilaria palleschi esordisce con una storia semplice e divertente che mette in scena un personaggio con cui è facilissimo entrare in empatia: una ragazza timida ma appassionata che trova la sua vera forza in quello che ama, piena di paure e insicurezze che deve imparare a proprie spese che quelle paure e insicurezze non c'è modo (o almeno non un modo sano!) di evitarle, ma che bisogna imparare a conviverci e a ritagliarsi un angolino in cui non lasciarle entrare.
il mondo di nina è colorato, morbido, cartoonesco, molto della storia si gioca sulle espressioni dei volti e sulle sequenze che si rifanno a gag ormai storiche (la scena del cespuglio!), rendendo così nina che disagio un libro adatto a lettori più o meno giovani, ognuno capace di trovare il suo personalissimo livello di lettura.


e per mettere un altro po' nina a disagio, oggi siamo in tanti a parlarne! la trovate anche su bad comics, reading can save us, mmarti nao e fairy with hobbit feet!

mercoledì 7 novembre 2018

tenebre

«in tanti tornano per vedere. i ricordi... ma qui non c'è più niente. bisogna andare via.»

in un qualche tempo non meglio identificato, in una città di cui non conosciamo il nome, un quartiere ormai fatiscente e abbandonato sta per conoscere la sua fine.
il suo nome è futura ma la sua storia ormai si rivolge tutta al passato, come al passato si rivolgono i pensieri e i ricordi dei personaggi che abitano le pagine dei racconti di elia gonella, dieci storie che orbitano tutte - ognuna a suo modo - attorno alle sette torri ormai disabitate di futura.

c'è una ragazza che è tornata nella casa in cui ha vissuto da bambina adesso che suo padre è morto per sbarazzarsi di vecchi oggetti e antichi rancori, e c'è un uomo che resetta la sua vita, cancella le fotografie di un'esistenza che deve lasciarsi alle spalle, una per volta, dicendo addio ai ricordi e a se stesso.
c'è un incontro che riporta un uomo di mezza età a ripensare alla sua infanzia e un bambino che scopre che il suo eroe non è quello che pensava, una donna che rimane avvolta dai ricordi come dentro un maglione che non riesce a scaldarla e un soldato cieco che recupera la vista ma non può più tornare quello che era, c'è un ragazzo che si mantiene a galla nel mare delle sue bugie e che insegue un sogno disperato rivendendo i suoi oggetti usati e una famiglia alle prese con una civetta intrappolata nella canna fumaria di un camino.

in una notte senza nome, a ognuno di loro tocca affrontare i propri fantasmi, le proprie delusioni, paure, quel qualcosa che manca e non tornerà mai più, quello spazio vuoto nell'anima che niente può riempire. è una notte che sembra non finire mai, che si dilata e si espande come un'enorme bolla di buio da cui è difficile intravedere la prossima alba.

le storie di tenebre sono affascinanti, a loro modo inquietanti, scorrono veloci come brevi lampi su dieci vite di cui riusciamo a scorgere solo qualche momento, sicuri che altrove, fuori dalle pagine, lontani da carta e inchiostro e dalle torri ormai scomparse di futura, quelle stesse vite, in chissà quale modo, hanno continuato a scorrere.

lunedì 5 novembre 2018

lucca 2018 ~ riassuntone degli annunci

e finalmente ci siamo!
ecco il riassuntone degli annunci, come sempre non esaustivo, meno che mai oggettivo, poco informativo e tutto basato, nel più arbitrario dei modi, sul mio entusiasmo riguardo i nuovi titoli che leggeremo il prossimo anno.


le prime bellissime notizie arrivano da j-pop che pubblicherà totsukuni no shojo - the girl from the other side. voglio leggerlo dalla prima volta che ho intravisto i disegni e un po' ci avevo perso le speranze visto che me lo aspettavo tra gli annunci dell'anno scorso e ovviamente non c'era.
direi che già questo poteva bastarmi per essere felice, ma sempre j-pop ha annunciato una miniserie che non conoscevo ma che non mi perderò per nulla al mondo: gatti + taiyo matsumoto + louvre... che fai? lo lasci lì? il secondo titolo imperdibile per me è i gatti del louvre (sono solo due volumi).
poi finalmente il tanto atteso card captor sakura clear arc, per star comics, che mi aspettavo per lo scorso anno e quindi era praticamente ovvio che lo annunciassero questa volta.
le due mega sorprese invece me le hanno fatte coconino e dynit: la prima infatti porterà la musica di marie di usamaru furuya, che voglio leggere da almeno più di dieci anni, e per la seconda arriva suiiki, della stessa autrice di mushishi, che avevo letto qualche anno fa in scan e mi piacque parecchio, quindi sono contenta di poterlo avere anche in cartaceo.


my lesbian experience with loneliness (annunciato da j-pop) da anni mi attira e mi respinge al contempo. dalle sinossi sembra interessante, adoro i disegni, ma ho letto commenti totalmente in contrasto tra loro e non so bene cosa pensare.
il fatto che sia un solo volume e che - a dirla tutta - io sia abbastanza di bocca buona quando si tratta di fumetti, mi fa propendere più per il sì che per il no, ma non sono ancora sicurissima al 100%.
discorso simile per lo sfigatto, che arriverà per star comics. adoro i fumetti con i gatti, adoro le strisce, ma quelle giapponesi non mi hanno mai fatto impazzire...
degli annunci planet manga probabilmente prenderò l'artbook di full metal alchemist (anche se costa davvero un botto) in attesa della nuova edizione della serie e atelier of witch hat, di cui avevo intravisto la copertina qualche tempo fa e mi era venuta voglia di leggerlo. sono un po' meno sicura per in questo angolo di mondo, di fumiyo kono, ma più che altro perché costa davvero uno sproposito (26 euro!).
di coconino e dynit, a parte i titoli di cui sopra, terrò d'occhio un po' tutto, aspettando qualche commento prima di decidere, ammetto che non conosco molti dei titoli annunciati e i prezzi altini dei volumi non invogliano poi tanto acquisti a scatola chiusa.


tantissimi no, grazie per me quest'anno, sto cercando sopratutto di comprare meno manga riempiscaffale per concentrarmi su cose più valide, recuperi compresi. quindi skippo felicemente i vari yuri di j-pop (anche se apprezzo molto che abbiano deciso finalmente di portare qualcosa di questo genere), gli horror adolescenziali e non, gli immancabili shounen pieni di tette giganti e gli altrettanto immancabili shoujo pieni di occhioni luccicanti e guanciotte arrossate, i gekiga che - lo so, sarò una persona brutta e gretta - proprio non riescono a piacermi, skippo anche lamù (nonostante il mio profondo amore per la takahashi questo manga proprio non mi ispira) e un po' tutto il resto.
la parola d'ordine per il 2019 è: solo lo stretto indispensabile (non è una sola parola ma va bene lo stesso)


quest'anno in realtà non posso dirmi delusa quasi per nulla, se non per il solito shirayuki hime che risulta ancora disperso e perché in fondo speravo che j-pop annunciasse la ripresa di qualche titolo interrotto (magari da goen... magari himitsu...)


e quindi per me quest'anno è uno dei migliori dal punto di vista degli annunci. poca roba sicura - almeno limitatamente ai manga, so che ci saranno un sacco di nuovi titoli occidentali durante tutto il prossimo anno che mi terranno impegnata (e povera) - ma di cui sono davvero contenta.
e voi? avete già fatto la lista della spesa per il prossimo anno?

mercoledì 24 ottobre 2018

shopping list di lucca - ovvero consigli per gli acquisti (secondo me) per chi ci andrà - quinta edizione

sono sicura ormai che morirò senza mettere mai più piede a lucca.

che poi, a dirla tutta, da un lato mi piacerebbe tantissimo andarci, incontrare un sacco di bella gente, comprare tonnellate di fumetti eccetera, dall'altro la vecchiaia mi impone dubbi poco poetici ma fondamentali: come faccio a reggere tutti quei giorni? mi faranno portare in giro un carrellino tipo quello della spesa da vecchietta per tenerci i fumetti che la schiena non mi regge? troverò un posto dove mangiare robe senza glutine e non rischiare di morire avvelenata? eccetera.
per fortuna, i dubbi vengono dissipati da una ineluttabile verità: non ho abbastanza soldi. però se il prossimo  anno qualcuno di voi vuole ospitarmi, mi procuro un carrellino da spesa e arrivo.

ecco il poster personalizzato che ho ottenuto registrandomi al sito della fiera... mi piace tutto questo rosso!

come ogni anno però sul blog, faccio le segnalazioni della tante - troppe - cose belle che verranno presentate a lucca e che io, prima o poi, conto di recuperare. a guardare i post precedenti, ci sono cose che non sono ancora riuscita a comprare dopo anni, ma questo listone è una delle cose che mi piace un sacco fare, quindi... sogniamo!

come sempre, ricordo che questa lista è filtrata dal mio personalissimo gusto e che ovviamente non è una lista esauriente e completa di tutte le novità che saranno presenti in fiera.

(sì, ho volutamente lasciato fuori dalla lista i titoli disney perché dopo che hanno interrotto la definitive collection, i mercoledì di pippo e un sacco di altre serie che seguivano molti appassionati e collezionisti per continuare a ristampare sempre la stessa fuffa mi sono veramente stancata e ho deciso di chiudere con loro. sicuramente non pubblicizzerò le loro uscite sul blog, ma credo sia facilissimo recuperare le informazioni in merito alle anteprime - se ce ne sono - che porteranno a lucca)

 • autoproduzioni • 



• arriva la conclusione de la trilogia dei veleni di maticora con il ventesimo grado di ilaria apostoli. il primo, malerba, era stato presentato a maggio all'arf, il secondo, abigail - l'incantevole morte della signorina goldfinch, al treviso comic book festiva a settembre. se ve li eravate persi, è arrivato il momento di recuperare tutta la trilogia!

• se non siete stati tra i finanziatori della campagna di crowdfunding di grimorio 2, allora fate un giretto allo stand di attaccapanni press! (oltre a questo nuovo volume ci sono un sacco di belle cose, tra cui una nuova edizione di melagrana, con una nuova copertina! (qualche info in più qui)


 se non li avete ancora acquistati con il preordine, immancabili i due nuovi titoli di mammaiuto: ross di claudia - nuke - razzoli e tetsuo di francesco frongia.



• nuovo capitolo per l'incantevole nilihue di ofride (del primo avevo parlato qui)

• e continua anche antithesis di jessica marino (qui avevo parlato dei primi due volumi)

 • graphic novel • 




• assolutamente imperdibile il nuovo libro firmato da gipi, boschi mai visti, un'antologia di storie edite e inedite scritte tra il 1994 e il 2003. come sempre, edito da coconino press.

• arriva finalmente a land called tarot di gael bertrand, edito da bd, per me uno dei titoli più attesi da mesi! non vedo l'ora di metterci le mani sopra!


• per eris edizioni torna julia wertz con the infinite wait. della stessa autrice eris aveva già pubblicato l'anno scorso drinking at the movies, se non l'avete ancora letto, il consiglio è di fare una bellissima combo.

• ci sarà in anteprima anche la nuova pubblicazione firmata da teresa radice e stefano turconi, tosca dei boschi. manco a dirlo, secondo me è uno di quei titoli che non potete assolutamente perdere, il duo radice&turconi è sempre una garanzia. ah, ovviamente, anche questa volta edito da bao publishing.


• sempre da bd, vi suggerirei di dare un'occhiata anche a soulwind di scott morse, che si preannuncia come una saga epica davvero interessante.

• se non avete ancora preso stella di mare di giulio macaione (edito da bao publishing), allora è il momento di rimediare. qualche giorno fa ne ho parlato qui.


• il primo dei due titoli a cui dare un'occhiata allo stand di oblomov è sicuramente ada, di barbara baldi. so solo che i disegni sono assolutamente meravigliosi, così tanto che per me è da recuperare assolutamente.

• anche ariston di sara colaone e luca de santis sembra molto interessante, già dall'immagine in copertina si preannuncia come una storia molto suggestiva, ambientata nell'italia del dopoguerra.


• due titoli usciti di recente per eris edizioni (li aggiungo in lista perché sono usciti davvero da pochissimo e devo ancora recuperarli, e comunque un promemoria non fa mai male) inerzia, il secondo romanzo di adam tempesta, autore di itero perpetuo,

• e storia della santa russia di gustave doré, con cui si inaugura col botto la nuova collana chaos, dedicata all'illustrazione.


• con kleiner flug e gradimir smudja si torna a investigare su una delle figure più affascinanti e misteriose della storia dell'arte moderna, con un graphic novel dal titolo vincent e van gogh

la voce delle cose di cécile bidault - edito da comicout - si preannuncia come una storia toccante e molto intimista. oltretutto, vorrei vedere come si può resistere a una copertina del genere.


brindille, primo di due volumi di una minisaga fantasy firmata da frédéric brrémaud e federico bertolucci, edito da saldapress.

• per renoir comics sarà invece disponibile in anteprima il secondo volume de il mondo di milo (il primo è già uscito da poco), una serie fantasy per ragazzi che mi ispira veramente tantissimo (e che, insieme a brindille, non mi farà rimpiangere la decisione di boicottare la nuova serie di monster allergy)


• per diabolo edizioni segnalo materia degenere, una raccolta di cinque racconti di autrici (più o meno) esordienti - roberta joe mucifederica bellomimonica rossielena pagliani e fumettibrutti - a cura di marco galli. non so a voi, ma a me la copertina piace tantissimo!

jane, il nuovo volume della collana per aspera ad astra, illustrato da ninamasina (vi rimando all'intervista a hop! edizioni che ha aperto la seconda edizione del'indie bbb cafè)


nina che disagio di ilaria palleschi sembra una storia molto adolescenziale, divertente e leggera, di quelle che io non riesco a perdermi mai (edito da bao publishing)

• per finire, lorenzo ghetti (to be continued, millennials) pubblica - con coconino press - dove non sei tu, un graphic novel che già dall'anteprima sembra una di quelle robe iperfichissime e strane per cui vado pazza.

 • manga • 


• finalmente viene presentato in anteprima il tanto atteso cofanetto de il poema del vento e degli alberi di keiko takemiya per j-pop, titolo che fino a qualche anno fa mai ci saremmo aspettati di vedere in italiano e invece... certo è che non sarà proprio facilissimo portarselo in giro nello zaino (non vi dico se vi tocca spostarvi con ryanair), però apprezziamo tantissimo.

• cominciano finalmente ad apparire i primi titoli della osamushi collection, sempre per j-pop in collaborazione con hazard, e a lucca ci saranno alcune anteprime delle prossime uscite, per me è finalmente giunto il momento di recuperare i tre adolf, di cui sento parlare benissimo da un'eternità e che però non ho mai letto.
(questa collana mi rovinerà, rimando da un millennio l'acquisto dei manga di tezuka ma adesso direi che non ho più scuse. ultimamente ho deciso di tagliare molte serie fuffa per dedicarmi al recupero di alcuni titoli fondamentali - non solo di tezuka - tra cui ovviamente alcuni di queste nuove edizioni)


• l'official guide book di berserk, la segno per ultima ma in realtà è una delle anteprime su cui vorrei più in assoluto mettere sopra le mani! ♥ ovviamente, sarà disponibile allo stand di planet manga.

------------------------

ci saranno anche quest'anno, a conclusione di tutte le conferenze, gli annunci, le dirette eccetera, le faccette di yotsuba e il relativo mega-riassuntone, sempre poco oggettivo e meno che mai completo, cioè il solito post noioso dove commento i titoli di prossima pubblicazione, lamentandomi per quello che speravo venisse pubblicato e invece no, e per quello che invece sì ma, uffa, quanti soldi volete farmi spendere? e poi dove la metto tutta questa roba che non ho più spazio nelle librerie?
io spero solo nella nuova edizione di full metal alchemist e nella nuova serie di card captor sakura. per il resto, ho smesso con le preghiere, il toto-annunci e tutto il resto, mi lascerò trasportare dalla corrente (tanto non si rimane mai senza nulla da leggere, anzi, il problema è sempre il contrario!)

e voi? avete già fatto la vostra lista della spesa? avete acceso qualche cero ai santi per dei titoli che sperate siano annunciati?