mercoledì 9 dicembre 2015

il viaggio di arlo

cosa sarebbe successo se l'asteroide che ha colpito la terra facendo estinguere i dinosauri fosse passato qualche chilometro più in là? beh, i dinosauri non si sarebbero estinti, anzi avrebbero continuato a evolversi e avrebbero realmente condiviso la terra con i nostri antenati. questa è l'idea di base dell'ultimo film disney/pixar il viaggio di arlo, uscito al cinema già da un po' e che, nonostante a me sia piaciuto tantissimo, ha avuto un'accoglienza un po' tiepidina, forse per via della vicinanza con l'uscita di quel capolavoro di inside out, con cui è venuto fin troppo naturale, per alcuni, fare il confronto, anche se davvero non vedo il motivo di far paragoni, sopratutto tra due film così diversi tra loro.
ma ho già espresso più volte il mio parere circa la moda di smerdare disney a ogni occasione, per cui andrò oltre senza perdere altro tempo.


dicevo, a me il viaggio di arlo è piaciuto tantissimo. la cosa più incredibile sono stati i paesaggi, avevo già letto in qualche intervista che la natura sarebbe stata co-protagonista della storia, insieme ad arlo e spot, ma non avrei mai immaginato di vedere paesaggi così incredibilmente belli e perfetti.
poi c'è la famiglia di arlo: ci sono la mamma e il papà, che sono instancabili lavoratori e organizzatissimi contadini. portano avanti il loro piccolo campo (ve l'ho detto che i dinosauri si sono evoluti) con dedizione e impegno.
e quando si schiudono le loro tre uova io mi sono commossa: arlo nasce dall'uovo più grande, ma è il dinosauro più piccolo della famiglia, e di certo anche il più pauroso. crescendo, continuerà a essere il più piccolo e il più pauroso, facendosi prendere in giro dai fratelli più grandi, fino a quando suo padre non cercherà di responsabilizzarlo e sopratutto di fargli scoprire che la paura ci impedisce di scoprire le cose più belle. per una serie di casini, dovuti a un piccolo umano che ruba le provviste della famiglia di arlo, il nostro dinosaurino si trova improvvisamente sperduto, lontano da casa, dolorante, affamato e sopratutto terrorizzato. ma sarà proprio la presenza di quel piccolo umano, spot per gli amici, ad aiutarlo nel suo viaggio e permettergli di tornare a casa.


in questo film ci sono momenti comicissimi (alla presentazione di menagramo ho riso con le lacrime), momenti che mi hanno turbata non poco e che credo non avrei voluto vedere da bambina (essì, ero una bimba ipersensibile), un modo, per una volta, di mostrare una natura più realisticamente crudele e non necessariamente edulcorata a uso e consumo di un pubblico di bimbi a cui dobbiamo censurare tutto per non farci poi fare domande imbarazzanti, e momenti che mi hanno davvero commossa.

è vero che il viaggio di arlo non è epico come il re leone, ma il viaggio di arlo non è il re leone, benché ci siano molti punti in comune tra i due film.
il viaggio di arlo è un film sull'amicizia e sulla fiducia - cose che ci farebbero molto bene imparare - è un film sulle differenze e su come queste possano essere annullate grazie all'affetto incondizionato e sincero, ed è un racconto di crescita, ovviamente, un vero e proprio percorso di formazione dall'infanzia all'età adulta.

insomma, è un film che i bambini dovrebbero vedere, e che dovrebbero vedere anche quelli che bambini, almeno all'anagrafe, non lo sono più, piantandola, per una volta, di fare i professoroni esperti in tutto, piantandola con i voti e le classifiche, evitando di cercare poi il modo più originale per criticare quello che hanno visto e lasciandosi semplicemente coinvolgere ed emozionare da un film davvero bello.
in fondo, la magia disney è questa, no?

8 commenti:

  1. Voglio vederlo assolutamente! Dubito fortemente che andrò al cinema perché il mio compagno non è un amante dei cartoni animati, quindi probabilmente aspetterò che esca in bluray, però sono estremamente curiosa anche perché mi piace tantissimo la grafica, specialmente Arlo.
    Non ho letto i tuoi post sui criticoni Disney, ma posso dirti che approvo e non solo: in generale a me hanno stufato quelli che devono fare i cinici per forza perché fa più figo. Youtubers, blogger, tutti con la tendenza a demolire qualsiasi cosa vedano o leggano perché più critichi in modo ironico più la gente ti segue; sarebbero in grado di demolire anche la Divina Commedia se non fosse che fortunatamente nel '300 non c'era internet!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a dire il vero non ho fatto un vero e proprio post sui criticoni di disney e di altra roba, però spesso mi sono lamentata, sia qui che sulla pagina di facebook, di questa mania idiota, a mio avviso, di criticare *tutto*, non so se per sembrare superiori alla stolta massa che si esalta con poco, di cui faccio orgogliosamente parte, o magari giusto per avere più visibilità.
      comunque a quanto pare non sono la sola a non sopportarli (e non supportarli!) e quindi bene, sono contenta! XD

      il viaggio di arlo è visivamente stupendo, questo è certo, ma anche la storia è molto carina! a me è sembrato - e questo l'avevo scritto su fb ma mi sono scordata di ribadirlo qui - di tornare ai tempi in cui il film disney che di solito usciva a natale, non solo era evento attesissimo, ma era anche emozionante e ci si continuava a pensare e fantasticare sopra per mesi e mesi... insomma, mi sembra un ritorno alla disney di quando eravamo bambini, e direi che è una cosa bellissima! ♥

      Elimina
    2. Hai ragione, erano anni che non usciva un film Disney a Natale, era così bello! Io ho un sacco di ricordi d'infanzia legati ai film Disney che, come dici tu, segnavano davvero un momento speciale dell'anno, quello del Natale. Appena sono stata abbastanza grande per resistere per tutta la durata del film (il primo credo sia stato "La Sirenetta") mia mamma ha iniziato la tradizione annuale di portarmi a vedere il Classico Disney al cinema: quel giorno mi faceva fare solo mezza giornata a scuola, mi veniva a prendere e andavamo insieme a vedere il film. Per me era davvero un giorno di festa, anche perché quando eravamo piccole noi quello era l'unico cartone animato che trasmettevano al cinema e quindi era proprio speciale... adesso un po' si è persa questa magia, visto che ci sono cartoni tutto l'anno e di tutti i tipi. Sicuramente per i bambini c'è molta più scelta, però sicuramente è meno magico!

      Elimina
    3. beh, da un lato è vero che ormai al cinema è facile vedere film d'animazione, però spesso si tratta davvero di semi-vaccate... è difficile arrivare al livello di disney, e non parlo di certo solo di "tecnica". sono pochi i film che riescono a essere densi e toccanti come quelli disney. tipo, prendiamo una roba come cattivissimo me. ok, è divertente, ma non arriverà mai a commuovermi ed emozionarmi come un qualsiasi film disney/pixar, di certo non me ne ricorderò negli anni a venire con la stessa emozione. per quanta roba possano tirar fuori, un certo standard di qualità è difficile ottenerlo!

      Elimina
  2. L'ho visto e... wow! T_T Mi è piaciuto molto, la grafica realistica era una cosa incredibile e ovviamente il Momento Lagrime mi ha colpito con la forza di una mazzata. Concordo che il paragone con Inside Out sia fuori luogo, proprio perché si parte da idee compeltamente diverse. Arlo nel suo è del tutto godibile.
    A me è piaciuto moltissimo il setting tipico dei western, oltretutto *_*

    Infine, non potrei concordare di più con questa frase:

    "piantandola, per una volta, di fare i professoroni esperti in tutto, piantandola con i voti e le classifiche, evitando di cercare poi il modo più originale per criticare quello che hanno visto e lasciandosi semplicemente coinvolgere ed emozionare da un film davvero bello."

    Applauso. A volte ho l'impressione che molti recensori sul web non si godano ciò che leggono/vedono da moltissimo tempo. E non parlo di cancellare il senso critico: quello è cosa buona e giusta, una volta che metabolizzi il film. Ciò che proprio non mi piace affatto è che per loro sembrano contare molto di più la foga, il desiderio di analizzare e soprattutto la goduria di criticare che la storia in sé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco questa cosa dei western io non l'ho notata... perché credo di non aver mai visto un western °_°"

      vero che il momento lagrime ci ha uccisi tutti? oh, beh, io ho avuto gli sbrillucciconi per mezzo film XD comunque secondo me è proprio un film bellino, sono contenta di leggere pareri positivi, praticamente l'hanno smerdato dappertutto.

      grazie per l'applauso, mi è piaciuta la discussione di oggi (per tutti gli altri: mentre chiacchieravo tramite messaggini con mel-chan ero in autobus, ho sbagliato linea e fermata, grazie al cielo un autista più umano della media mi ha detto come fare ad arrivare alla destinazione giusta XD della serie fangirleggiamo senza renderci conto del resto del mondo!, ed è bellissimo X°D) ♥

      Elimina
  3. Sinceramente quando ho visto il trailer al cinema l'ho un po' snobbato perchè mi sembrava molto simile a dragon trainer e non mi andava di vedere due film su argomenti così simili a breve distanza. Però ad un film d'animazione non si dice mai di no, quindi è molto probabile che più avanti proverò a recuperarlo. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, ti rassicuro! con dragon trainer non c'entra proprio nulla XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...