venerdì 19 ottobre 2012

my girl

masamune kazama ha 23 anni. è un impiegato qualsiasi di una piccola azienda, non ha una ragazza e vive da solo in una piccola casa di campagna dove sognava di vivere con la ragazza con cui stava ai tempi del liceo che da cinque anni l'ha lasciato per andare a studiare all'estero.
lei, yoko, in cinque anni non ha mai risposto a una sua lettera. non si è mai fatta sentire. forse l'ha dimenticato e quello che per lui era un grande amore forse per lei non era così importante...
dopo la partenza di yoko si è rassegnato a una vita vagamente in bianco e nero, nell'immobilità della banalità del quotidiano. un giorno però arriva una notizia terribile che sconvolge la sua tranquilla esistenza: yoko ha avuto un incidente ed è morta. niente può tornare come prima, ogni briciolo di speranza di rivederla che masamune aveva conservato dentro di sé sparisce completamente.
però yoko ha lasciato koharu-chan, una bimba di cinque anni che a quanto pare è figlia di masamune. ritrovarsi all'improvviso padre di una bambina così piccola... e perché yoko non gliel'ha mai detto?



gli spoiler sono inutili, raccontarvi la storia non serve sia che l'abbiate letta che no. my girl è uno di quei manga che vanno gustati dalla prima all'ultima pagina, perché racconta una storia che fa del suo essere la storia di una qualsiasi famiglia, della sua "normalità" il suo punto di forza per rimanere dentro al lettore.
masamune e koharu imparano poco per volta a conoscersi, si raccontano gli episodi della vita della yoko che ognuno dei due ha conosciuto per non cedere alla tristezza della sua perdita, si aiutano e sostengono a vicenda come due pezzi di un puzzle che per puro caso si sono trovati uniti. insieme affrontano gli sguardi severi di chi giudica una bimba cresciuta da una madre sola prima e da un padre solo adesso, di chi da dello stupido a un ragazzo che ha deciso di vivere con una bambina sconosciuta che è sua figlia.
entrambi hanno sviluppato, grazie al ruolo di yoko nella loro vita, una sensibilità straordinaria davanti a certi eventi della vita: hanno imparato troppo presto quanto è precario il legame tra le persone, quante poche sono le certezze nella vita, sanno che rimandare può voler dire perdere per sempre l'occasione e che non si deve dare nulla per scontato.



my girl è un manga malinconico e a tratti dolceamaro, è la storia di una famiglia strana che cresce insieme.
è in fondo una storia d'amore.
forse è poco realistico per quello che riguarda la psicologia dei personaggi, sopratutto dei bambini: troppo buoni, troppo saggi, troppo sensibili, troppo adulti. ma una storia è una storia e che sia o no plausibile a un certo punto, quando da storia si trasforma in poesia, non importa più.
i cuoricini di burro sono invitati a tenere qualche fazzoletto a portata di mano durante la lettura. no, niente finali tragici ma la lacrimuccia può uscire fuori anche per la gioia, no?


l'edizione j-pop è molto curata, forse i volumetti sono un po' rigidini, ma le pagine a colori gli perdonano tutto. le illustrazioni a colori di mizu sahara sono una vera e propria gioia per gli occhi così acquose ed evanescenti, devi veri e propri dipinti. peccato per la superficialità con cui l'hanno etichettato come shoujo perché shoujo non è, si tratta di un seinen e la cosa potrebbe aver allontanato possibili lettori che avranno frainteso completamente cosa avevano davanti. peccato davvero.
se non l'avete ancora fatto, recuperatelo e leggetelo. anche perché una serie completa in cinque volumetti non è affatto un salasso!

21 commenti:

  1. Ogni tanto torno da queste parti per vedere se c'è qualche manga interessante da regalare a un'amica e anche questo sembra perfetto per i suoi gusti, grazie per i consigli :)

    - Pixel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati, grazie a te per la fiducia! (però dopo che l'ha preso per la tua amica leggilo pure tu che è tanto bello!)

      Elimina
  2. Ce l'hoooo.. lo devo ancora leggere ma so che è meraviglioso... <3

    RispondiElimina
  3. Che bel manga: un titolo che avrebbe meritato - per la storia, i disegni, i personaggi - un maggior successo :)

    RispondiElimina
  4. Sto cercando disperatamente di recuperarlo ma nella mia fumetteria non arriva mai -_- confido in Lucca!

    RispondiElimina
  5. ogni volta che vado in fumetteria mi cade l'occhio su un volume di questa serie °° questo tipo di storie mi incuriosiscono molto, siano tristi o comiche (yotsuba& *-*). Me lo segno tra i titoli da provare ^^ poi 5 volumi si può fare =w= (anche se non per adesso xD troppe serie accumulate ç_ç)

    RispondiElimina
  6. Una serie molto dolce e malinconica. L'ho adorata...E poi le tavole illustrate meritano tantissimo...Ho fatto stampare quella del capitolo 17 "A lazy day" in formato grande e l'ho appesa in camera!!! <3

    RispondiElimina
  7. rispostona collettiva: chi lo deve leggere lo legga, chi lo deve recuperare lo recuperi! merita parecchio!

    @novellewave: anche a me è venuta la voglia di farmi stampare qualche cosina di queste illustrazioni, sono bellissime >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Starebbero benissimo questi quadretti nella tua nuova stanza! ; )

      Elimina
    2. ah in effetti ho appeso qualche quadretto, ma ancora il lavoro non è terminato e quindi non ho ancora messo la foto... voglio comprare un megapuzzle che avevo visto tempo fa: il bacio di klimt con minni e topolino ♥ mi serve a riempire lo spazio sul letto... poi ho altra roba sparsa, anche se molti dei vecchi quadretti sono rimasti conservati per... bah, non lo dico nemmeno, figuriamoci tra quanti secoli mi capiterà di avere una casa solo mia XD

      Elimina
  8. allora comprerò il primo volume giusto per prova ;)

    PS: Ho abbandonato "Berry Dynamite" della Nakahara al primo volume...davvero un manga assai ridicolo -.- non c'è proprio partita con "Nanaco Robin" che tanto avevo amato. Lo so che sono solo 3 volumetti ma non mi va di continuare tanto anche senza spoilers posso immaginare come andrà a finire...Comunque se lo stai leggendo anche tu, fammi sapere che ne pensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. azz... io devo ancora prenderlo... se ti va di scambiarlo con qualcosa fammi sapere (anche una nuova uscita, o altro che ti serve, te lo prendo in fumetteria e te la spedisco a posto di quello, ma se ne parla a novembre, ora sto al verde ^^")

      Elimina
  9. Bellissimo manga!
    L'ho recuperato un po' in ritardo rispetto alla sua uscita, ma il piacere di leggerlo tutto d'un fiato mi ha appagata completamente!
    Una storia agrodolce, molto sensibile e matura.
    Hi ragione che nel manga Yoko è forse troppo adulta, ma molto spesso i bambini che hanno subito una perdita o affrontato problemi o malattie, sono molto più grandi di certi 30enni di oggi.
    Ne consiglio la lettura anche io *____*

    RispondiElimina
  10. Ho recuperato questo manga in blocco giusto qualche mese fa e l'ho adorato dall'inizio alla fine! Koharu a tratti è effettivamente un po' troppo matura per la sua età ma, come dici tu, la storia è talmente piacevole che poco importa se manca un po' di realismo. Non finirò mai di adorare anche jpop per tutte quelle meravigliose pagine a colori *-* Complimenti per questa bellissima recensione, mi hai fatto venire voglia di rileggerlo!

    RispondiElimina
  11. rispondo a tutte e due: vero è che certi traumi possono effettivamente cambiare un bambino, però in effetti koharu è davvero la bimba perfetta!
    non so se avete visto l'anime di usagi drop o se avete intenzione di acquistare il manga (io ho visto l'anime, merita tantissimo, cercatelo! il manga non l'ho letto ma considerando l'anime consiglio pure lui) però rin, la protagonista, di base è come koharu: senza mamma e con tutte quelle critiche alle spalle tipiche dei giapponesi perbenisti e stronzi (ma stronzi forte!) e con una situazione ancora più incasinata per quello che riguarda il padre, eppure, nonostante per certi versi sia più matura della media, rimane una bambina... ecco, koharu mi sembra plausibile ma molto meno realistica, è la visione di un adulto circa come un bambino potrebbe essere, rin invece mi sembra molto più verosimile per i suoi atteggiamenti.

    ciò non toglie, come dicevo nel post, che si tratta di un racconto e non di un trattato di pedagogia, quindi chissene della plausibilità e della verosimiglianza, la storia è bellissima e ci piace così! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto l'anime di Usagi Drop e messo in casella il manga la scorsa settimana XD
      Prima mi sono sbagliata: ho chiamato la bimba col nome della mamy...sorry! :P

      Elimina
    2. ahah, non me n'ero neanche accorta XD avevo letto in automatico koharu!

      Elimina
  12. Magari a Lucca gli do uno sguardo, è completato e non sono neanche tantissimi volumi. Non lo conoscevo ma devo dire che adesso mi ispira parecchio ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh, se lo trovi fammi sapere se ti piace ^^

      Elimina
  13. Probabilmente, il manga che più ho amato tra quelli che ho tradotto finora. Avrei continuato volentieri a lavorarci ancora per tanti altri volumi...
    Mi fa piacere ritrovarlo qui, in questa bella recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ohhh! grazie mille del complimento per la recensione ^^
      e grazie anche dell'ottimo lavoro, per rendere così belli e toccanti i dialoghi non basta la bravura dell'autore, ci vuole anche un traduttore che sappia cogliere lo spirito giusto e renderlo al meglio! grandissima! grazie per la visita ^^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...