martedì 20 dicembre 2016

racconti scelti per pesciolini d'argento

wikipedia dice che i pesciolini d'argento, o meglio i lepisma saccharina, sono insetti che, oltre a preferire la scarsità di luce e a dovere il proprio nome alla somiglianza fisica con i pesci, sono degli insetti sinantropici, ovvero, vivono nelle abitazioni umane.
più precisamente, lì dove si trova polvere e carta, quindi nelle abitazioni umane piene di libri, sopratutto (giuro che non guarderò più i miei scaffali allo stesso modo da adesso).


questa cosa della sinantropia la sa bene il protagonista di racconti scelti per pesciolini d'argento - uno degli ultimi titoli di gorilla sapiens edizioni, scritto da marco parlato - che dai suddetti insetti è ossessionato dato che gli infestano la casa, già assediata da una proprietaria un po' ninfomane con l'istinto da crocerossina e invasa dai manoscritti lasciati lì da clara, la sua ex, una traduttrice di romanzi e racconti dell'azerbaijan.

se il compito del nostro protagonista sembra una cosa semplice, finire di montare il video di un matrimonio, uno dei suoi tanti lavori da videomaker freelance, è solo perché non capite cosa vuol dire dover affrontare una sfinge per sapere perché non vi è stato accreditato il bonifico in banca, sopravvivere agli attacchi della signora balducci, che con la scusa di prendersi cura di lui e portargli il pranzo, si propone più o meno spudoratamente come amante, e far fronte a un'invasione di pesciolini d'argento che si annidano nelle intercapedini di tutta la casa.
nel frattempo, così come gli insettini hanno preso il possesso dell'appartamento, i fantasmi dei ricordi del passato controllano la mente del nostro, mischiandosi ai frammenti di storie che clara gli raccontava mentre lavorava e alle figure inspiegabili che appaiono nel video del matrimonio.

" - sono certo di infrangere le tue certezze, sapiens, rivelandoti che la vita è un romanzo tradotto male. troppe sono le mediazioni prima che la verità degli eventi giunga al tuo pensiero, e ogni cosa risulta infida, proprio come una storia passata per due mani di troppo. se già non possiamo fidarci degli autori, quanta fiducia siamo pronti a concedere ai traduttori?"

ogni frammento tornato alla memoria, ogni mistero svelato o da svelare porta a un altro ricordo o un altro dubbio, in un concatenarsi di storie in cui troviamo vecchi coinquilini malati d'amore e nuovi occupanti abusivi che hanno esagerato con i libri di letteratura latina, soldati morti che continuano a scrivere lettere alla famiglia e topolino che cercano di fermare l'avanzata di una colonia di scarafaggi, uomini che indossano le bretelle e ordiscono trame complicate per dar luogo a poco probabili tradimenti e editori narcisisti che non sanno mettere un freno alle loro parole.
così, quella che doveva essere una tranquilla e un po' noiosa giornata di lavoro si trasforma in un racconto di racconti, vissuti, inventati, tradotti e sognati, in cui i ruoli di narratore e protagonista si alternano e si confondono.

racconti scelti per pesciolini d'argento è in realtà un lungo racconto - o un romanzo breve, fate voi - da cui è impossibile staccare gli occhi, si legge tutto d'un fiato, perdendosi tra una storia e l'altra e ritrovandosi alla fine in uno stato a metà tra lo straniamento e la consapevolezza di aver appena terminato un racconto - o romanzo - geniale.

8 commenti:

  1. Ho visto questo titolo in libreria e mi ha molto incuriosito, se non altro perché anche la mia vecchia stanza, a casa di mia madre, era spesso popolata da pesciolini d'argento! (avevo librerie su 2 pareti su 4, che bei tempi! ahahah)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, quelle bestie sono la croce di molti! io non ne ho mai trovati qui, ma a dire il vero ogni tanto mi viene l'ansia °_°"

      in ogni caso il libro merita tantissimo, quindi se ripassi in libreria prendilo! (e poi scappa XD)

      Elimina
  2. L'ho messo in lista su Amazon. non per altro ma perché i pesciolini d'argento sono il mio incubo da quando ho cominciato a lavorare in ufficio: con le scartoffie vecchie di decenni capita di trovarne nelle scatole e ogni volta mi sento morire XDXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che il titolo ha fatto colpo su parecchi XD ma in ogni caso merita tantissimo! secondo me ti piacerebbe (oltretutto sarebbe un film geniale. se fosse un film. non ha senso però mentre lo leggevo certe scene me le sono immaginate come un film!)

      Elimina
  3. Quando ho visto questo titolo mi sono incuriosita perchè, tempo fa, una mia conoscente si è ritrovata la casa invasa da questi "cosi" e, facendo ricerche, ha scoperto che si chiamano appunto "pesciolini d'argento".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a palermo si chiamano "fuifui", che vuol dire "fuggifuggi" in pratica. e a volte se ne trovano di grossi! da bambina mi terrorizzavano, oltre a essere orribili, se ti mordevano (ma parlo di quelli grandi!) lasciavano bolle enormi e facevano un prurito insopportabile! ho scoperto dopo che i fuifui sono la versione grossa e cattiva dei pesciolini d'argento XD

      bisognerebbe dedicare un libro anche a loro!

      Elimina
  4. Ma quindi è colpa mia? L'invasione di pesciolini d'argento in casa mia, intendo. Ero già qui tutta pimpante perché sto traslocando, mi dicevo "Non mi avrete più bestiacce!", invece con tutti gli scatoloni di libri, quaderni e carte varie che porto sempre con me me li ritroverò anche nel nuovo appartamento? Mi sento male. E voglio leggere questo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, mi sa che gli scatoloni di libri sono casa loro!
      comunque - rimedio della nonna - per evitare l'invasione malefica basta mettere delle foglie di alloro secco tra i libri (ne bastano un paio a scaffale) prova a vedere se funziona! e poi vai in libreria ad aggiungere anche questo al contenuto degli scatoloni (ma prima leggilo!)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...