mercoledì 30 novembre 2016

leonid

se credete che la vita di un gattino di casa sia tutta ciotole di latte, cestoni comodi e biscottini, beh, preparatevi a cambiare idea. e se pensate che una storia che racconta le avventure di un gattino sia una roba da bambini, beh, preparatevi a cambiare idea due volte.
leonid di frederic brrémaud e stefano turconi è un piccolo capolavoro che affascinerà gli amanti dei felini e non solo. per quanto le mie aspettative fossero già alte su questo volume, mi ha sorpreso parecchio.


la vita di leonid è quella che qualsiasi gatto potrebbe sognare: vive in una bella casetta calda e sicura, vicino a una fattoria in piena campagna e ha un sacco di coinquilini, il gatto rosso, anziano e pacioso, la piccola mriza, una cagnolina tutto pelo, una gattina siamese e atchi, un topo allergico al pelo dei gatti!, e amici randagi simpatici con cui potersi azzuffare quando ne ha voglia, come bombolo, nonché belle gattine a cui fare gli occhi dolci, come ba'on.
nulla potrebbe andare meglio fino a quando alcuni agnellini della fattoria vicina vengono trovati barbaramente uccisi e il fattore decide di liberare i mastini. esattamente come succede agli umani però, la comunicazione con chi ha più muscoli che cervello non è esattamente facile, e i due cagnoloni giganteschi e feroci diventano una minaccia non solo per gli assassini, ma per tutti gli animali che vivono in campagna, compresi ovviamente i gatti randagi.
insomma, per quanto leonid sia un gattino di casa, non può certo rimanere con le mani in mano (ops, zampe in zampa?) e guardare i suoi amici rischiare la vita, e ovviamente sarà proprio lui a scoprire cosa sta succedendo, e si tratta di qualcosa di molto di più di quello che sembrava all'inizio: l'orda, capitanata dal terribile attila, sta per arrivare!

la storia di leonid è una storia d'avventura, d'amicizia, di coraggio, una storia in cui si ride e si piange, si sta sulle spine e ci si rilassa come farebbe un gatto al calduccio della sua cesta, una storia che sorprende e che regala il più bello dei finali possibile.

i disegni di stefano turconi, l'ho detto milioni di volte, sono sempre meravigliosi, e anche in questo fumetto, in cui vediamo solo gatti, cani e altri animaletti, riesce a dare ai personaggi carattere ed espressività come solo lui sa fare, mentre frederic brrémaud lo scopro per la prima volta e non posso che dire che si tratta di uno sceneggiatore bravissimo, capace di mischiare atmosfere diversissime tra loro e di creare, nel più tranquillo - se non quasi noioso - dei contesti, una storia invece avvincente e tenera, che diverte i lettori più giovani e sa accattivarsi quelli più cresciutelli.

menzione necessaria anche a star comics, che finalmente inizia a dedicarsi ai graphic novel e lo fa con un'edizione molto curata anche se si tratta di una brossura non di grande formato, cosa che consente un prezzo molto più abbordabile di un cartonato di lusso, senza rinunciare alla qualità della stampa. ci si augura che sia il primo di una lunga serie!

4 commenti:

  1. Tu devi piantarla di segnalare roba bella. Sallo!! T__T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mia cara, è uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo u_u

      Elimina
  2. Lo vogliooooo! Addio soldi ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna, rispetto ad altri graphic novel, non è poi tanto caro ^^ su amazon costa intorno agli 8 euro e qualcosa!
      e poi, male che vada, puoi sempre contare su babbo natale XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...