giovedì 22 agosto 2013

kafka sulla spiaggia

kafka sulla spiaggia è un romanzo che apre una finestra sul mondo fantastico e foriero di meraviglie e interrogativi creato da haruki murakami.
un mondo che si lascia intravedere in ogni suo romanzo e che però non si lascia mai completamente conoscere e comprendere.

*attenzione agli spoiler!* tamura kafka ha deciso che scapperà via da casa il giorno del suo quindicesimo compleanno, per sfuggire a un destino crudele e ineluttabile. nakata è un vecchietto che parla con i gatti ma non sa scrivere né leggere, che viene coinvolto senza volere in un assassinio ed è costretto alla fuga per compiere quello che adesso è il suo scopo.
le loro strade viaggiano parallele sul piano del tempo, arriveranno negli stessi posti senza incontrarsi mai, tutti e due destinati a chiudere un cerchio che tanti anni prima è iniziato con la morte di un giovane e con una canzone misteriosa.

parlare della storia, quando si ha tra le mani un romanzo così, è la cosa più riduttiva e meno utile che si possa fare.
come già succede leggendo altre opere di murakami, anche qui ci si lascia trascinare giù a vortice in un luogo che è questo o forse no, una dimensione parallela in cui le differenze non si vedono ma si percepiscono fortemente. una dimensione in cui ogni cosa va fatta perché così deve essere, e se il destino di due persone che non hanno mai avuto a che fare l'una con l'altra deve intrecciarsi, allora succederà.
kafka sfugge a una profezia di richiamo greco, scagliatagli addosso da un padre senza amore, ucciderai tuo padre e giacerai con tua madre e tua sorella, due donne di cui il ragazzo non serba neanche un vago ricordo. ma se edipo, incosciente dei propri legami di sangue, si ritrova a uccidere un padre sconosciuto, kafka fugge dalla sua predestinata vittima per accertarsi di non compiere mai quel gesto. eppure, una notte, si ritrova sporco del sangue di qualcuno, senza ricordare nulla di cosa sia successo, e la stessa notte nakata uccide un uomo misterioso, jonny walker che tortura e uccide i gatti, risvegliandosi dallo shock con i vestiti puliti, e sempre la stessa notte, il padre di kafka verrà trovato brutalmente ucciso nella sua abitazione.
cosa è successo? il subconscio di kafka, lontano dal suo corpo e dalla sua memoria, è riuscito, attraverso l'omicidio di jonny walker compiuto da nakata, ad uccidere il padre, facendo così avverare la profezia? il sangue sui vestiti del vecchio si è spostato su quelli del ragazzo? il destino, pur di avverarsi, mette in moto una macchinazione così complicata e astrusa e inspiegabile, senza tenere conto dell'unità spazio-temporale? o si tratta soltanto di strane coincidenze, che si possono leggere come una traslazione di coscienze attraverso diversi scenari e diversi personaggi soltanto a patto di voler a tutti costi vedere una realizzazione dell'infausta profezia?

nakata non è legato a kafka solo dal misterioso e inspiegabile omicidio di un personaggio fittizio di una pubblicità di alcolici, ma riesce a far accadere eventi inspiegabili, avvenimenti come metafore di una canzone. che proprio in una vecchia canzone erano scritte, una canzone che aveva per titolo il nome scelto da un ragazzo che all'epoca non era neanche nato, scritta per un altro ragazzo che sarebbe morto, stupidamente e barbaramente, dopo poco tempo. piovono pesci dal cielo e c'è una misteriosa pietra che apre un'entrata, una pietra della quale non si sa altro se non quello che nakata scopre, man mano che si compie il suo viaggio, come se si trattasse ogni volta di un'epifania senza forma e senza suono dentro la sua testa.
dal momento in cui uccide jonny walker, il vecchio sa, senza chiedersi come e perché, che deve compiere un viaggio. a ogni tappa viene a conoscenza di quella successiva, come in una serie di scatole cinesi, dove per vedere cosa contiene una, bisogna prima aprire quella precedente.

la fuga di kafka e il viaggio di nakata sono entrambi permessi da due personaggi particolari, il primo è il signor oshima, una specie di androgino che accoglie kafka nella biblioteca komura e successivamente in una piccola casa di montagna sperduta nel nulla al limitare di un fitto bosco. non chiede spiegazioni, non interroga, non fa lezioni al giovane scappato da casa, semplicemente offre aiuto e amicizia. allo stesso modo hoshino, un giovane camionista che accetta di dare un passaggio a nakata, non si lascia turbare dalla stranezza del vecchio, neppure quando si rende conto dell'assurdità del modo di viaggiare di nakata, fatto di rivelazioni che oscillano tra il folle e il divino. entrambi influiscono poco sulla vicenda, men che mai provano a far deviare il percorso che il giovane e il vecchio sono in qualche modo costretti a intraprendere, eppure senza di loro sarebbe impossibile la conclusione della vicenda.

vicenda della quale fa parte, e anzi riveste un ruolo centrale, la signora saeki, la proprietaria della biblioteca kamura, del quale kafka si innamora perdutamente nonostante abbia il dubbio, non giustificato da nessun dato certo, che la donna possa essere sua madre. la saeki di oggi è la madre che fa avverare la profezia e la saeki fanciulla è la prima che ha aperto la pietra dell'entrata, che ha cambiato l'ordine delle cose, che è andata in un luogo altro - così come successe a nakata in un particolare episodio della sua infanzia che causò la perdita della memoria e una sorta di deficienza che lo affligge per tutta la vita - e che è tornata, senza potersi rassegnare alla perdita del ragazzo che amava: due metà dello stesso essere divise per sempre dalla crudele stupidità umana.
cosa lega kafka e saeki? sono davvero madre e figlio, o lo diventano soltanto dopo, quando il fantasma di lei, al di là dell'entrata, gli permetterà di bere il suo sangue? o kafka è unsa specie di reincarnazione del suo vecchio amore, del ragazzo ritratto in un dipinto che porta come titolo kafka sulla spiaggia?
e cosa lega kafka alla giovane sakura, incontrata la prima notte sul pullman della fuga, che gli promette di aiutarlo in qualsiasi momento, con la quale giace in un sogno e chiama sorella?
a saeki arriva anche nakata, dopo aver aperto la misteriosa entrata, ed avrà il compito di distruggere la sua storia, quella che lei ha scritto meticolosamente per anni e che adesso diverrà cenere, liberandosi per sempre dal peso degli errori compiuti. entrambi moriranno subito dopo, come se in effetti il loro destino si compisse definitivamente con il loro incontro, entrambi con l'ombra a metà, entrambi ritornati da un altro luogo, entrambi hanno ormai svolto il loro compito nella storia di kafka.

l'ultimo enigma è nel bosco che kafka attraversa, arrivando fino in fondo, in un luogo senza tempo custodito da due giovani soldati, i quali secondo la storia ufficiale dovrebbero essere morti durante la guerra, un paese dove non esiste memoria e che tanto ricorda quello de la fine del mondo e il paese delle meraviglie. lì avviene l'ultimo incontro con lo spirito appena trapassato di saeki e quello sospeso di kafka, lì avviene il misterioso rituale del sangue, lì forse si compie definitivamente il destino di kafka. dopo tutto questo, quando l'entrata è stata chiusa e la profezia compiuta, kafka si addormenterà per svegliarsi in un mondo nuovo.

è un romanzo ermetico e ricco di interrogativi, un racconto in cui il surreale e il veritiero si amalgamo indissolubilmente, tirando in gioco l'ineluttabilità del destino e la forza della scelta, creando una fitta ragnatela di connessioni che sfidano ogni regola mentale e fisica.
ogni cosa è come deve essere.
questo è quanto è più facile descrivere della meraviglia di murakami, un mondo che segue rigide regole fuori dalla logica tradizionale (principio di identità, di non contraddizione, del terzo escluso, causa ed effetto) e che pure si attengono a una linea di eventi inevitabili, storie che cambiano e allargano la struttura della mente e che ci portano in dimensioni fantastiche, distanti da noi appena un soffio ma praticamente inarrivabili.

13 commenti:

  1. Interessante recensione! Non ho letto con molta attenzione la trama per evitare troppi spoilers, dato che è un romanzo che mi piacerebbe leggere ^^ Di Murakami ho letto solo 1Q84 e ho preso After Dark, ma devo ancora leggerlo. 1Q84 mi è piaciuto abbastanza, tranne alcune cose forse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. after dark è il prossimo che vorrei prendere di murakami! 1Q84 invece l'ho letto tempo fa e mi è piaciuto tantissimo, a te cosa non è andato giù? prova anche norwegian wood, avevo scritto un post in merito qualche tempo fa, lo trovi qui http://claccalegge.blogspot.it/2013/03/tokyo-blues-norwegian-wood.html

      Elimina
    2. Non avendo mai letto nulla di Murakami prima di 1Q84 non avevo ben chiaro cosa aspettarmi e sono rimasta un po' spiazzata da questa atmosfera onirica, dato che inizialmente si partiva da una situazione abbastanza realistica @.@ poi però ho iniziato a capire e ho apprezzato di più^^ Mi ha lasciata un po' perplessa il finale con loro che si ricongiungono e...stop. Avrei preferito sapere qualcosa in più su questi Little People e sull'"immacolata concezione" (come la chiamo io XD) di Aomame. Che io ricordi erano state queste cose a lasciarmi perplessa, però ormai è passato un po' da quando l'ho letto ^^" Più che altro credo sia stato tutto un errore mio di approccio al romanzo, dato che mi aspettavo qualcosa di meno onirico.
      Il fantasy/sovrannaturale mi piace molto, ma Con questo tipo di atmosfere ho sempre qualche difficoltà >.<
      Una cosa che mi è dispiaciuta è che la figura dell'editor di Tengo sia stata messa un po' da parte, perchè mi faceva simpatia XD ma questo non è che non mi sia proprio andato giù. I personaggi erano interessanti comunque ^^ anche il rapporto tra Tengo e suo padre mi ha presa molto.
      Grazie per il consiglio! :) Norwegian Wood mi sembra interessante ^^ me lo aveva consigliato anche il mio prof di italiano e latino (lo stesso che mi ha consigliato 1Q84!)

      Elimina
    3. norwegian wood è diverso da 1Q84 e da kafka sulla spiaggia proprio perché manca il lato surreale e fantastico, magari ti piace di più di questi...
      le atmosfere oniriche sono proprio la chiave di molti romanzi dell'autore, non li ho letti tutti ancora, ma a me piace da morire come riesce a mischiare l'ordinario con il surreale! fammi sapere con norwegian wood poi come va ^^

      Elimina
    4. penso che lo stesso discorso valga anche per After Dark, almeno secondo la quarta di copertina :)
      Allora per adesso vedrò di puntare su quelli più "normali" e poi procedo con il level up XD
      Con piacere ;)

      Elimina
    5. io vorrei proprio leggerlo after dark... a dire il vero vorrei leggere tutto, davvero mi piace un sacco questo autore >_<

      ahhh... dovrei provare a riscrivere le letterine a babbo natale XD

      Elimina
    6. magari il Babbo è tornato in affari! X°D

      Elimina
  2. Murakami è uno scrittore eccezionale che a mio avviso meritava il Nobel al posto di Mo Yan (sebbene apprezzi anche lui, ma non come Murakami).

    Sei riuscita davvero a descrivere benissimo questo libro, che io ho adorato e dopo averlo finito ho quasi detto "vorrei che non finisse mai"...E' sicuramente uno dei migliori libri di Murakami tra l'altro mescola reale a fantasia in una maniera cosi godibile che solo lui riesce, senza trasformare il tutto in pacchianata.

    Di quest'autore mi è piaciuto quasi tutto, devo però ancora recuperare 1Q48".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! ^^ a dire il vero ogni volta che leggo uno dei romanzi di murakami ho la sensazione che non si tratti di situazione fantastiche e inventate, ma di qualcosa di molto reale e in qualche modo nascosto alla vista... insomma come se fossi io troppo distratta per rendermi conto di tutto XD

      in ogni caso, 1Q84 è un capolavoro, recuperalo appena puoi! invece per quello che riguarda gli altri romanzi, quale mi consiglieresti come prossimo da leggere?

      ps. pare che il prossimo anno esca il romanzo nuovo anche in italia *_*

      Elimina
    2. "ho la sensazione che non si tratti di situazione fantastiche e inventate, ma di qualcosa di molto reale e in qualche modo nascosto alla vista... insomma come se fossi io troppo distratta per rendermi conto di tutto"

      E' PROPRIO quello che provo io, e una cosa del genere la puo' far sentire solo uno scrittore/genio assoluto...Non è una cosa da tutti...Io ho letto "Come sabbia è il mio amore" dell'autore di "Gridare amore al centro del mondo" e in quel romanzo cerca di scimmiottare Murakami, col risultato che il libro l'ho donato ad un associazione di volontariato....sperando che qualcun altro lo apprezzi piu' di me XD

      Oddio se vuoi una black comedy coi fiocchi ti consiglierei "Lui è tornato" (ne ho parlato nel mio blog) sennò mi è piaciuto moltissimo "Il silenzio dell' onda" di Carofiglio oppure "La foresta dei girasoli" della Hayden.^^

      PS: L'unico libro che non ho digerito di Murakami è stato "la fine del mondo e il paese delle meraviglie", probabilmente non ne ho colto il giusto spirito!

      Elimina
    3. mi segno i titoli che mi hai consigliato ^^ sperando in tempi migliori per quello che riguarda lo shopping libresco ;_;

      la fine del mondo e il paese delle meraviglie a me è piaciuto un sacco anche se in effetti lascia parecchio spiazzati. cos'è che non ti è piaciuto? io ho avuto qualche difficoltà in alcune scene a seguire per bene la trama, certe parti in cui in buona sostanza ho perso un po' il filo degli eventi XD

      Elimina
    4. E' proprio questo che hai scritto..ho avuto difficoltà nel seguirlo, a tratti l'ho trovato pesante e noioso...l'ho mollato ad un certo punto ;(
      Preferisco titoli come Kafka, After Dark, Norwegian Wood ;)

      Elimina
    5. beh, magari prova a rileggerlo poi con calma, anche se ha delle parti un po' confusionarie ci sono anche delle scene che mi sono piaciute molto. ha un'atmosfera molto particolare e decisamente malinconica... e poi c'è una parte di kafka sulla spiaggia che mi ha ricordato proprio la fine del mondo!

      vorrei provare a leggere di murakami anche qualche raccolta di racconti, chissà cosa viene fuori con il racconto breve!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...