sabato 27 aprile 2013

inuyasha - o anche: d'amore e (altri) demoni

credo che marquez me l'avrebbe perdonata.
inuyasha è uno shounen la cui pubblicazione - in italia come in patria - è durata anni (dodici in giappone, nove  da noi), e a me mi c'è voluto molto molto più tempo per finire di leggerlo.
presa da un periodo di profondo scazzo verso i manga, li abbandonai per qualche anno, e inuyasha finì nel dimenticatoio fino a quando una rilettura e il preziosissimo aiuto di tammy, mi hanno convinta a leggerlo tutto quanto fino alla fine.

dunque dicevamo, inuyasha è uno shounen, un manga d'azione dove spade, tecniche di combattimento strane, mostri, demoni, spettri eccetera la fanno da padrone. ma in realtà quello che muove tutto è una storia d'amore. d'amore e demoni, per l'appunto.
io vi annuncio che, se non conoscete la storia, ci saranno spoiler, anche se penso che quasi tutti quelli che erano interessati a leggerlo l'avranno già fatto quindi... vabbè, decidete voi.

nell'epoca sengoku il mezzo spettro inuyasha e la sacerdotessa kikyo vengono spinti a odiarsi dall'inganno di naraku, un altro mezzo spettro nato da onigumo, un delinquente moribondo a lungo curato da kikyo, che nutriva tali sentimenti osceni e impuri per la sacerdotessa da farsi divorare dai demoni per acquisire potere e diventare uno spettro. rinato come naraku, ordisce un inganno per i due amanti e li spinge a uccidersi: inuyasha muore trafitto da una freccia di kikyo e kikyo stessa perde la vita in seguito alle ferite riportate durante scontro. il motivo della disputa tra i due, la sfera degli shikon, che da a chi la possiede un immenso potere, viene bruciata insieme al cadavere di kikyo.
una fine più triste a una storia d'amore la si deve ancora trovare.

giappone moderno: la giovane studentessa kagome, il giorno del suo compleanno, viene risucchiata dal pozzo di famiglia e trasportata da un demone millepiedi in un villaggio del giappone medievale. per sconfiggere lo spettro e salvare lei e tutto il villaggio, risveglia inuyasha, sigillato dai tempi della battaglia con kikyo. in un tentativo del mezzo spettro di prendere la sfera degli shikon, questa viene distrutta e le sue schegge si perdono per tutto il giappone. kagome e inuyasha, dopo un inizio alquanto burrascoso, uniscono le loro forze per trovare tutti i frammenti e ricomporre la sfera.


nel corso del viaggio ci saranno battaglie a non finire, ma sopratutto i due incontreranno man mano i loro compagni di avventura, ognuno dei quali è legato dal filo del destino a naraku:
il giovane monaco miroku, sempre a caccia di femmine e soldi, che possiede il foro del vento, una maledizione che però è anche un'arma, un vortice potentissimo nascosto nel palmo della sua mano che aspira ogni cosa, compresi i nemici, facendola sparire. la maledizione del foro si tramanda di padre in figlio, e come il padre di miroku è stato ucciso dal suo foro allargatosi fino al punto di risucchiare il suo stesso proprietario, così un giorno succederà a lui. la necessità di lasciare un erede a spezzare la maledizione e vendicarsi di naraku è il motivo per cui il monaco tenta di concupire qualsiasi fanciulla carina gli si pari davanti.
il piccolo shippo, dispettosissimo cucciolo di spettro volpe, che tenta di vendicare il padre ucciso anche lui per colpa di naraku, che passa il tempo a farsi picchiare da inuyasha e consolare da kagome, poi sango, cacciatrice di spettri che a causa di naraku ha perso in modo tragico tutta la famiglia. naraku infatti ha manovrato il suo fratellino kohaku facendogli uccidere tutti gli altri cacciatori di spettri, compreso il padre. nello scontro tra fratelli, kohaku è rimasto ucciso ed è tornato in vita grazie a una scheggia della sfera, mentre sango si è unita al gruppo di inuyasha.
kohaku, stravolto dal dolore di quello che ha fatto manovrato da naraku, è diventato un burattino vuoto nelle sue mani, ma più avanti nella storia riuscirà a acquisire di nuovo la sua coscienza e avrà una parte fondamentale negli eventi che segneranno la fine della vicenda. fedele compagna di viaggio e di battaglie di sango, è il demone gatto kirara.
gli altri personaggi che, anche se non fanno parte del gruppo di inuyasha, hanno come solo obbiettivo quello di uccidere naraku sono koga, il capo degli spettri lupo, che cerca vendetta per la sorte del suo villaggio sterminato dal solito mezzo spettro (quello cattivo!), innamorato di kagome, con la quale non perde occasione di fare il cascamorto, e in perenne lotta con inuyasha.
uno dei personaggi più affascinanti in assoluto è poi il fratello di inuyasha, sesshomaru, uno spettro completo (lui e inuyasha hanno madri diverse), inizialmente uno spocchioso arrogante che tentava di uccidere il fratellastro ogni volta che poteva, decisamente irritato dal fatto che il mezzo spettro di famiglia e non lui, il primogenito, avesse ereditato la tessaiga, la spada di suo padre. e irritato anche dalla natura stessa di mezzo spettro del fratello, insomma, quale che sia il motivo, far fuori inuyasha non è poi una cattiva idea...
anche sesshomaru sarà vittima della crudeltà di naraku, più e più volte verso la fine: verranno messi in gioco i suoi affetti, primo fra tutti quello verso rin, la bambina che sesshomaru stesso ha resuscitato con la tenseiga (la spada che non taglia le cose di questo mondo e che può riportare in vita i morti), e poi quello appena appena nato nei confronti di kagura.

nel corso delle vicende, naraku cercherà di diventare sempre più potente, cercando di liberarsi del cuore di onigumo, rigenerando, cambiando e aggiustando di volta in volta il suo corpo.
da naraku nasceranno tante creature, ognuna delle quali rappresenta uno dei suoi tanti aspetti, tra le quali spicca kagura, la parte femminile e passionale di naraku, fremente dal desiderio di libertà da quel naraku che l'ha creata e che tiene in pugno il suo cuore, disgustata dalla sua crudeltà immotivata, a volte fredda e calcolatrice ma in fondo piena di sentimenti e rabbia per il mondo assurdo che il suo creatore ha contribuito a plasmare. il suo amore per sesshomaru e la sua storia mi hanno davvero commossa. per quello che mi riguarda è uno dei personaggi che più preferisco in assoluto.

e ovviamente kikyo, la sacerdotessa che sigillò inuyasha, riportata per magia in vita. inizialmente voleva vendicarsi del suo vecchio amante e di kagome (ahhh, la gelosia), poi poco per volta capisce l'inganno che l'ha portata alla morte e rimane in vita con il suo corpo preso in prestito per combattere anche lei contro inuyasha. il suo rapporto con kagome sarà sempre di amore e odio perché colei che ha preso il suo posto nel cuore di inuyasha altri non è che la sua reincarnazione, una fanciulla pura che possiede un potere enorme in grado di mettere a repentaglio l'esistenza stessa di naraku e della sfera degli shikon.

inuyasha è quindi un manga d'azione, un manga comico (i siparietti di rumiko takahashi, anche se tutti uguali, sono sempre uno spasso) ma anche una storia piena di sentimenti. e al sentimento stesso viene data una forza incredibile: i desideri sporchi di onigumo lo trasformano in mostro, la purezza d'animo di kikyo e kagome può sconfiggere il male e addirittura guarire o mantenere in vita le persone, la rabbia di inuyasha lo trasforma in un demone completo mentre il suo amore per kagome calma il suo istinto omicida. i sentimenti non sono più solo parole ma vere e proprie forze magiche che plasmano la realtà, con la sola volontà si può indirizzare una freccia o raccogliere abbastanza forza da spazzare via un nemico. in inuyasha ci sono tutti gli elementi di una saga fantasy dal sapore epico, dall'eroe che cresce come persona e come guerriero, agli amori, le gelosie, gli inganni, nemici fortissimi e altri personaggi la cui amicizia e lealtà saranno indispensabili al protagonista per raggiungere il suo obbiettivo.
il bene trionfa sempre e alla fine... beh, ovviamente anche l'amore.
bellissima lettura, sono davvero contenta di essermi convinta a finire la serie, merita davvero tanto!

21 commenti:

  1. Di Inuysha seguivo l'anime su MTV anche se non con costanza >.< però mi piacerebbe riprendere questa serie, magari tramite il manga (a proposito, quanti volumi sono in tutto? Una 60ina? D:)dato che mi piace il genere.
    E poi...Sesshomaru mi ingrifava parecchio >w> *coffcoff*
    Per fortuna non mi sono spoilerato nulla con la recensione (mi sono spoilerata da sola anche il finale...ho un rapporto di amore-odio con gli spoilers XD) ma non ho capito bene una cosa su Miroku. Hai scritto che cerca di procreare (oltre che per i suoi impulsi maniaci XD) anche per avere un erede che spezzi la maledizione, no? Ma se lui muore senza figli, in teoria, la maledizione dovrebbe annullarsi da sola no? Oppure passa a qualcun altro a caso?°° Non ho capito bene questo passaggio (forse perchè non conoscevo questo dettaglio dall'anime...pensavo solo che Miroku fosse un maniaco e basta XD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nella prima edizione, quella di neverland, i numeri sono 67, nella seconda non saprei, ma credo circa 60...

      su miroku la mia personalissima idea è che il desiderio dell'erede più che per vendicarsi di naraku serva a potergli fare allungare le mani senza troppi rimorsi sulle varie fanciulle che incontra un po' ovunque u_u
      va a capire un po' come funziona la mente di un monaco maniaco u_u"

      Elimina
    2. Ah allora ricordavo bene, più o meno ^^

      Ho questo sospetto anche io ahah xD tutte scuse >w>

      Elimina
  2. Mi fa piacere ti sia piaciuto, ma hai letto la serie tutta di seguito? se fosse così i miei complimenti ; ) anche io ho i volumi sottiletta ma devo essere sincera: ad un certo punto non vedevo l'ora finisse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, ho letto prima i 42 numeri che avevo e poi tutti gli altri XD
      quando qualcosa mi coinvolge non riesco a fermarmi XD

      anche io l'ho detestato, durante la saga dei sette guerrieri o come si chiamavano. però ne è valsa la pena!

      Elimina
  3. Anche io ho pensato che era stata un po' troppo prolungata in qualche punto ma alla fine è stata stupenda e con bellissimo finale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì!!! ♥ finale bellissimo, sinceramente ho avuto un po' paura che finisse in modo diverso, ma per fortuna non è stato così!!!

      Elimina
  4. Devo sempre decidermi a rileggerla tutta di fila! L'ho seguito nella vecchia edizione e devo dire che alcuni passaggi sono estenuantemente lunghi (tipo la storia del potenziare la Tessaiga, al terzo potenziamento inutile mi prese un po' di noia) ma alcune side story (tipo quella di Sesshōmaru) mi hanno spinto a leggere tutto fino alla fine. All'epoca mi piacque abbastanza ma per dare un giudizio sensato dovrei proprio rileggermela ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti le side-story sono la parte più interessante, sopratutto in una serie così lunga, se non ci fossero state quelle... sai che noia!

      Elimina
  5. Oh, che nostalgia **
    E' stato uno dei primissimi manga che abbia mai comprato (e la prima serie anime che abbia mai seguito con costanza, escludendo Sailor Moon ovviamente xD), ma poi mi venne a noia e lo rivendetti.
    Ora, tutte le volte che lo vedo sugli scaffali mi viene voglia di ricomprarmelo t.t Ma non ho posto t.t

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhh, ti capisco! anche a me è capitato con furuba... però dai, è la scusa per comprare una libreria in più XD

      Elimina
  6. Inuyasha! Quanti ricordi!! Qualche anno fa lo adoravo! è stato uno dei primi manga che ho seguito numero per numero, senza recuperarlo in blocco, e negli anni in cui è stato pubblicato mi ha fatto una buona compagnia... e anche ora ci sono ancora molto affezionata. Prima di leggerlo in volumetti leggevo i capitoli in scans e mi ricordo che suspense, alla fine, quando succede tutto quel casino con le spade! Mi piacevano tutti i personaggi - tranne i sette mercenari, che a suo tempo mi hanno un po' annoiata - e anche la fine, secondo me, è perfetta. La Takahashi, di per sé, è sempre una garanzia, ma con l'atmosfera epica di Inuyasha ha dato il meglio del suo lato fantasy... è veramente un manga che prende molto, sono contenta che ti è piaciuto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco come si chiamavano, i sette mercenari! io l'ho preso numero per numero fino a una quarantina, poi... vabbè, meglio tardi che mai! adesso vorrei recuperare ranma >_<

      Elimina
    2. Ranma ha poco in comune con Inuyasha perché non ha una trama vera e propria, se non a grandissime linee, ma ha il vantaggio che fa MORIRE dalle risate : leggendolo ti troverai a ridere come una pazza tu sola, attirando parenti - e gatta - nella tua stanza a vedere che succede! E non è una comicità scontata o demenziale, ma si basa su trovate tanto originali da chiedersi "Ma come lo ha pensato?". Secondo me la Takahashi ha due cervelli!! Piano piano recupera tutto, ne vale la pena

      Elimina
    3. di ranma avevo pochissimi numeri sparsi della prima edizione... e forse li ho ancora. però voglio la serie completa fiQa, quella nuova!
      prima o poi... e poi aspetto la ristampa di maison ikkoku! >_<
      one pound gospel invece? me lo consigli?

      Elimina
    4. Sì!! è troppo dolce e carino, ma resta sempre esilarante e originale : la comicità della Takahashi è imprevedibile. Io della sensei consiglio assolutamente tutto, unendo le sue opere viene fuori un universo imprevedibile. Maison Ikkoku è splendido, romantico e divertente : io ho le vecchie sottilette - che però, devo dire, non sono fatte male. Se ti capita puoi anche prendere Il Bouquet rosso, una raccolta di racconti di vita quotidiana nel Giappone moderno.

      Elimina
    5. il bouquet rosso ce l'ho. e poi ho la saga delle sirene. devo trovare ranma e one pound gospel a questo punto...

      Elimina
  7. Inuyasha è e resterà uno dei miei manga preferiti, sopratutto la prima parte, quella coperta dalla prima serie dell'anime. Condivido tutto quello che hai detto sulla potenza dei sentimenti. L'unica nota stonata è che a lungo andare si scade secondo me nel difetto principale della Takahashi: voler tirare per le lunghe e a tutti i costi una storia che ormai ha "già dato" tutto quello che poteva dare... Secondo me poteva finire comodamente nella metà dei volumi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah beh sì, se levava tutte le parti inutili sicuramente ce ne evitavamo un bel pezzo. però alla fine devo dire che mi è piaciuto tanto, quindi la si perdona per il di più (sette mercenari sette mercenari sette mercenari XD) e amen!

      Elimina
  8. Sono contenta che Inuyasha ti sia piaciuto! ^_^
    Confesso che io l' ho venduto soprattutto per il finale: abituata ai non finali della Takahashi (che a me piacciono tanto XD ) questo finale "chiuso" mi ha lasciato una stranissima sensazione, a fine lettura...mi è sembrato un voler accontentare a tutti i costi i lettori e l' ho trovato un po' troppo esplicito e un po' finto nel mostrare tutti i personaggi "felici e contenti"...insomma, dopo averla tirata per le luuuuuuuuunghe per un sacco di tempo (noooooiaaaaaaa) il voler concluderlo così mi è sembrato forzato. Oltre al fatto che, essendo io una fanatica di viaggi del tempo, paradossi temporali etc etc, vedere una Kagome che va a vivere nel passato mi ha fatto storcere il naso! La storia potrebbe cambiare e questo non è stato mai preso in considerazione!!! Insomma, per essere un manga molto curato per quanto riguarda l' ambientazione storica, questa cosa non mi ha convinta del tutto...la cosa più bella del fumetto, che mi ha spinta a documentarmi meglio, è stata la grande presenza di spiriti della mitologia giapponese...in effetti, una volta che non ne sono stati più presentati, la mia attenzione durante la lettura è pian pian scemata: i combattimenti son diventati ripetitivi e i vari potenziamenti pure e i personaggi stavano continuando a girare troppo sulle stesse cose! In definitiva, per me InuYasha è stata la serie che mi ha preso meno tra tutte quelle di Rumiko! Probabilmente, avendo spazio in casa l' avrei tenuta lo stesso, ma siccome non ce l' ho, ho preferito venderlo e con il guadagno recuperare qualcosa di più interessante! (se non sbaglio, presi la principessa splendente e un' altra serie bella lunga! :D )
    Detto ciò, ammetto che la mia stroncatura non è totale: come manga è al di sopra di molti altri, la Takahashi è una garanzia e ha il pregio di avere un finale chiaro (a differenza di molti altri suoi manga)ma, essendo io strana, non è piaciuto molto proprio per questo! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. awww! io invece per il finale da tutti vissero felici e contenti ci vado pazza e francamente lo piazzerei dappertutto. sparatemi XD
      certo che non posso biasimarti se l'hai venduto per kuragehime u_u è un bellissimo manga <3

      insomma, se a me è piaciuto tanto e tutti state a dirmi che ranma è meglio, cacchio, devo avere ranma! XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...