mercoledì 13 marzo 2013

neanche il tempo per sognare

mai titolo fu più consono al momento che sto passando. mi sento talmente stanca che non ho più neanche il tempo per sognare, ma proprio letteralmente, tempo di posare la testa sul cuscino e crollo in un sonno stile coma, con tanto di risveglio sconvolto e dubbio su dove sono chi sono perché sono.
e ancora non ho iniziato a lavorare.
domani, mentre leggerete questo post (lo sto scrivendo alle nove e mezza di sera, piena di sensi di colpa per non averlo fatto prima, sopratutto perché ci tenevo a ringraziare chi me l'ha mandato - posso dirlo o è segreto? boh... beh, grazie mille ) io sarò ancora in quello stupido ufficio a sorbirmi la spiegazione di uno stupido contratto a progetto che dura fino al trenta di aprile!!! da suicidio! ma possibile che ci voglia qualcuno che perda una mattinata intera a spiegare un contratto che praticamente sappiamo già cosa dice? tu lavori, guadagni poco e appena mi girano le palle perché secondo me non fai abbastanza sei fuori senza se e senza ma.


lasciamo perdere.

finalmente ho letto questo volumetto, neanche il tempo di sognare di yugi yamada (autrice per me assolutamente scognita) il primo shounen-ai (o yaoi? come lo dovrei catalogare?) pubblicato da flashbook ormai da un bel po' di tempo.
mi aspettavo una lettura piacevole ed è stato esattamente quello che ho riscontrato, anche se credevo che mi sarei sorbita meno sporcellate...
andiamo con calmina e ordine (pardon, ho il cervello liquido ormai!)

*attenzione agli spoiler!* la prima parte della storia è ambientata in una scuola professionale di aeronautica e i due protagonisti, kawamura e yoshitake, studiano entrambi lì, sognando un giorno di diventare piloti.
poiché la scuola, sperduta tra le montagne, si trova a cinque ore di treno dalla città più vicina - tokyo - i ragazzi vivono insieme in dormitorio. per un caso kawamura e yoshitake, che essendo delle matricole dovrebbero dividere la stanza con altri due ragazzi, rimangono soli. inizia tra loro a crearsi un legame, uno strano equilibrio tra sopportazione e amicizia, fino al momento in cui a yoshitake viene data una notizia sconvolgente e terribile e kawamura lo coglie quasi in flagrante con il senpai morishita.
ai due non rimane tempo per parlare o chiarirsi, yoshitake si assenterà da scuola per non tornare più e a kawamura rimane impresso il ricordo di un abbraccio e il dubbio sulla vera natura dei suoi sentimenti.

diversi anni più tardi ritroviamo il buon kawamura, sempre più etero e sempre più sfigato con le donne, che non è riuscito a diventare pilota, ma lavora da terra come responsabile della gestione del collocamento merci sugli aerei. il rapporto con yoshitake è un ricordo lontano che gli ha lasciato la malinconia del cosa sarebbe successo se fosse tornato.
ma il destino ci rimette la zampa e scopriamo che se kawamura gestisce il carico da lontano, yoshitake è uno di quelli che lavorano proprio a posizionare i pesi e i bagagli sugli aerei, proprio seguendo i progetti del suo vecchio compagno di scuola. rimpatriate e festeggiamenti, i due ci mettono davvero poco a finire insieme (ma chi dovrebbe resistere a quel figo di yoshitake? siamo seri, etero o meno, era impossibile!), come se l'abbraccio di tanti anni prima fosse stato una promessa di questo futuro.
alla loro storia personale, che è parecchio dolce e mai sdolcinata, si aggiunge quella dei due sempai morishita e yoshida, che dovrebbe essere la parte comica ma a me non solo non mi ha fatto ridere ma mi ha un pochino schifata. poi son gusti, eh...

neanche il tempo per sognare è un manga molto carino, sicuramente originale per l'ambientazione e con personaggi poco stereotipati. non si perde in melensaggini di sorta ma sa coinvolgere parecchio a livello emotivo il lettore. i disegni sono belli ed essenziali, senza fronzoli inutili eppure molto curati. l'autrice pare avere una predilezione per il moro figo e aitante che è davvero molto sexy in parecchie scene, mentre al biondino viene affibbiato il ruolo più buffo e tenero e in qualche modo femminile.
i personaggi secondari invece non mi sono piaciuti affatto.
qualche scena un po' hot c'è, non mi ha sconvolta ma devo dire che certi particolari se li poteva tranquillamente risparmiare, anche perché a vedere questi fumetti viene da pensare che i giapponesi quando si accoppiano trasudino muchi filamentosi da ogni poro e a me sta roba fa davvero senso, più di tutto il resto (leggasi: culi in primo piano e pisellini censurati al vento).
consigliato sì ma solo a chi ama il genere e non vuole leggere roba troppo spinta.

14 commenti:

  1. Sono contenta che in gernale ti sia piaciuto! ^^ A me lascia una malinconia enorme anche se finisce bene ;_; (questo non mi ha imoedito di rileggermelo già due volte, quando l'anno scorso mi sono ammalata xD), soprattutto nelle parti più tristi.

    Però sono un po' preoccupata per la questione delle zozzerie, nel senso che lì ce n'è un po', ma mooolto poche rispetto alla media di uno "yaoi" e non shonen-ai (anche perché "yaoi" di per sé indica proprio che ci son scene a rating alto). Nel senso, spero che magari prima o poi riuscirai a passarci un po' sopra perché sennò tante belle storie più "grafiche" magari non riuscirai a godertele e mi dispiacerebbe ;_;''

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, sicuramente ci sono yaoi che hanno belle trame e un alto tasso di porcellate.
      il punto è che non capisco perché attirare l'attenzione con le porcellate quando basta la bella trama.
      indipendentemente dal fatto di chi sia a farle, a me non piacciono. da nessuna parte.
      sono sempre dell'idea che una coppia nel momento dell'intimità vada lasciata sola, sia che si tratti di realtà sia che si parli di un libro o di un fumetto.
      non mi piacciono le ostentazioni in pubblico per strada, non mi piacciono certe scene nei racconti in generale.
      mi spiace se mi perdo belle storie, però certe cose non mi sconfinferano e secondo me rovinano tutto il resto.

      son gusti, eh! XD capisco chi apprezza questo genere e son contenta che alle zozzate si accompagnino storie belle e interessanti!

      Elimina
  2. Mi hai fatto morire quando parli dei muchi, che nelle scene di sesso sono davvero esagerati, ma credo che gli facciano perché sembrano "sexy" xD
    Questo manga lo volevo provare da molto e mi hai convinto a prenderlo ;) ciaoo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, sono contenta che sia servito il mio consiglio! poi fammi sapere se ti è piaciuto ^^/

      Elimina
  3. Io sono una fan sfegatata di Yugi Yamada, e credo di essermi procurata un pò tutto quello che di suo è stato pubblicato in inglese, e, ovviamente, non potevo lasciarmi sfuggire questo "Neanche il tempo per sognare". E' una delle autrici che cito quando voglio fare un esempio del mio "yaoi ideale", proprio perchè le storie, anche quando molto "classiche" nell'impostazione, non sono mai banali o scontate, con personaggi che arrivano a conoscersi pian piano.
    Per le scene "hot", come ha già detto Mel-chan, beh, rispetto alla stragrande maggiornaza degli yaoi, non sono nulla di più che "il minimo sindacale" per il genere XD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, se si mantiene su questo standard e dovesse continuare a essere pubblicata in italia potrei farci un pensierino, diciamo che ho altre priorità.
      però questa storia non mi è dispiaciuta, diciamo che è proprio il genere che non fa per me ^^"

      Elimina
  4. Oooh! Finalmente una ragazza che pensa che certe scene di questo fumetto siano eccessive e un po' fuori luogo, e che conviene con me che nulla aggiungono ma anzi un po' tolgono al volume nel suo complesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh sì, tolgono sopratutto perché se invece di farmi intuire pompini (pardon) a gogò si concentrava di più sul rapporto tra i due, lasciandoli soli a spupazzarsi, a me interessava di più e imbarazzava meno.
      un solo volumetto poteva dare più spazio all'interiorità dei personaggi piuttosto che ai loro fluidi corporei di dubbia natura.
      in ogni caso è una lettura carina e piacevole, credo che chi ama il genere l'abbia apprezzato molto più di me, perché l'unico difetto che gli ho trovato è stata proprio la presenza e l'insistenza su certe scene.

      Elimina
  5. Non ho ancora letto niente della Yamada ma questo mi ispirava! :D Penso che appena potrò lo leggerò! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per te vale la regola del fammi sapere se poi ti è piaciuto! XD altrimenti poi mi sento in colpa a consigliare letture sbagliate! XD

      Elimina
    2. Ahah XD con piacere ^^ e poi mi fa piacere commentare le letture :)
      (scusa se rispondo dopo 100 anni ma per adesso non riesco a trovare molto tempo per stare al pc >.<)

      Elimina
    3. ah beh, figurati, anche io per ora sono incasinatissima e la cosa mi spiace davvero tanto, ho un sacco di cose di cui parlare, post iniziati che non sono riuscita a finire e sopratutto un sonno indecente!
      e siamo solo a lunedì ;_;

      Elimina
  6. Oddio, l'ho letto un paio di anni fa se non sbaglio quindi non mi ricordo tutto alla perfezione, però era davvero un bel volume unico, migliore di altri che mi sono capitati tra le mani, tipo "Il mio detective" o "Three wolves mountain".
    Le sporcellaggini non mi turbarono più di tanto, ma anche perchè ormai ho familiarità con questo genere xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuro che la familiarità aiuta molto, non ho letto molti fumetti del genere ma solitamente già dalle copertine non mi attirano (ad esempio non idea di cosa siano le robe che hai citato! XD)

      credo proprio che il punto sia sempre lo stesso: è un genere che deve piacere, se entrare così nel dettaglio della vita di coppia ti garba bene, se ti imbarazza non ci sta niente da fare, continuerai a imbarazzarti.

      continuerò a orientarmi su roba più casta e "psicologico/sentimentale" XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...