domenica 17 giugno 2012

intervista a nino giordano, direttore editoriale di renbooks!

ebbene sì. per una volta questo blog abbandona il suo tono di fancazzismo e io riesco a fare una cosa seria. sono incredibilmente orgogliosa e contenta di tutto questo!

l'idea è venuta un po' per caso, un po' perché il solo pensiero di chiacchierare con chi si occupa fattivamente dei fumetti in italia mi stuzzica non poco. così, grazie all'aiuto di nino giordano, direttore editoriale di renbooks, sono riuscita a realizzare la mia prima intervista. buona lettura!


Ciao Nino, grazie mille per avermi concesso questa chiacchierata!

Sparo subito a zero: come è nata l'idea di diventare un editore di fumetti? Un sogno personale o un progetto di gruppo?

Ciao Clacca! Il sogno era personale,poi ho incontrato Fabio Freddi e ci siamo detti "facciamolo!" e così abbiamo unito le forze per aprire Ren studio, con il quale ci occupiamo di lavori per altri editori, e un anno dopo il marchio Renbooks, grazie al quale pubblichiamo fumetti a tema LGBT. 

Credo di aver capito che il tuo amore per il giappone non si limiti esclusivamente ad anime e manga. Hai mai pensato di pubblicare con Renbooks anche qualche libro di narrativa di autori nipponici? Magari anche delle light novel, per non andare troppo fuori tema...

Di titoli di narrativa che vorrei pubblicare ce ne sono. Renbooks è un editore di fumetti e quindi per il momento non si può... Ma se potessi, restando in tema di manga/anime, una delle prime cose che farei è "Ai no Kusabi" (Il cuneo dell'amore). Soprattutto per motivi affettivi. :)

Renbooks è una casa editrice decisamente fuori dagli schemi rispetto alle altre case italiane. Sicuramente essere un editore di nicchia è una scelta coraggiosa che sta però giustamente ricevendo i suoi riconoscimenti. Quanto conta per voi il dialogo con i fan attraverso i social network, i forum, i blog eccetera?

Tantissimo! Non solo per una questione di trasparenza dell'azienda, ma anche perchè se il dialogo con i lettori non c'è, spesso non si sopravvive. Un lettore è un alleato e non un nemico, anche se certe volte ho conosciuto editori che non la pensavano così. 
Il nostro dialogo è talmente apetto che ancora non siamo riusciti a dare una risposta a tutti! Maledizione! Anche con quest'intervista ci ho messo una vita!

Che peso dai alle richieste che ricevi dai lettori circa nuovi titoli da pubblicare?

Il giusto peso. Lavorando da 12 anni con altri editori di manga ho potuto constatare con mano che certi titoli osannati dai fan poi non vendevano una copia. Bisogna, però, tener conto delle richieste e delle idee dei lettori. Il loro parere è fondamentale perchè un editore, magari bravo come può essere Magic press o Flashbook ed anche Jpop, per dirne alcuni, non è onnisciente e se è vero che alcuni titoli osannati si sono rivelati dei flop, è anche vero che certi suggerimenti sono stati una manna dal cielo in alcuni casi. Insomma, bisogna lasciare che il lettore abbia voce in capitolo ma non pensare che tutto quello che viene richiesto spesso poi diventerà un best-seller. 

A proposito di social network, forum, blog e affini: sono sempre stati luogo di dialogo costruttivo con i lettori, o ti son capitate anche situazioni spiacevoli? (escludendo la sottoscritta e le sue domande, ovvio!)

Mah, forse perchè sono molto pacifico, alla fine non ho mai avuto situazioni troppo spiacevoli. Forse all'inizio con le appassionate di Yaoi, ma solo perchè non riusciavamo a capirci. Fortunatamente sono UNA APPASSIONATA DI YAOI anche io! Eh eh! E tu sei favolosa ed anche le tue domande!

I progetti di Renstudio, ovvero i fumetti che attualmente sono distribuiti gratuitamente sul web, vedranno anche la luce nella versione cartacea?

Alcuni sì. L'anteprima di Barba di perle, per esempio, che diventerà un volume per Lucca, o anche i prossimi serial che lanceremo dall'autunno. Ofelia ha una storia un po'particolare e vorremmo trovare un editore più in sintonia.

E un vicersa? La possibilità di avere in digitale, magari a pagamento, le opere già stampate su carta?

Ci stiamo pensando. Il mercato digitale ci interessa moltissimo.

Come editore e come lettore, come vedi il fenomeno di fansub e scansioni? Una buona pubblicità e un modo per conoscere i gusti dei fan prima ancora di pubblicare l'opera, oppure la perdita di possibili acquirenti che già conoscono il prodotto e non vogliono spendere per una versione cartacea (o in dvd) dello stesso?

E' complicato. Sono dell'idea che le scan in mano ai veri appassionati siano una manna dal cielo: c'è più informazione in merito ai titoli e comunque si ha una possibilità di scelta prima di acquistare un volume. Le scan diventano l'inferno dell'editoria quando finiscono in mano a ragazzi/e che si reputano appassionati di un tal titolo ma che non comprerebbero mai il volume cartaceo. Mi spiace, ma se fate così non siete appassionati e non danneggiate l'editore, ma l'autore e la serie che dite di amare.
Per il fansub il discorso è diverso perchè se di manga ne arrivano migliaia, di titoli anime all'anno ne arrivano forse una trentina/cinquantina scarse, quindi è ovvio che ci si rivolga a quel mercato. Inoltre, secondo me, le televisioni sono ancora indietro e non riescono a mettersi al pari con i tempi moderni. Mia opinione, eh?

Pensi che ci sia una differenza di atteggiamento riguardo le scansioni tra il lettore di nicchia e quello che si orienta verso il commerciale? O se preferisci, tra il collezionista e il lettore occasionale?

Come ti dicevo sopra. Naruto e One piece, se non ci fossero i siti di scanlation avrebbero molti più acquirenti, ma è anche vero che certi titoli avrebbero comunque uno scarso pubblico anche senza scan.

Ti va di svelarci almeno un titolo che è il tuo "sogno" come editore?

Oddio... Sai che non ce l'ho? Avrei voluto pubblicare Sailor moon perchè sono un Vero Fan.
Anzi, aspetta, sì... Ne ho svariati: Kyoko Okazaki (tutta!), Il poema del vento e degli alberi, Peppermint age, Seito shokun, Sakamichi no Apollo... Quasi tutti shoujo o josei... 

Se potessi "rubare" tre titoli pubblicati in italiano da altri editori, quali diresti?

Sailor moon, Caro fratello, Nodame Cantabile e Kuragehime e questo solo per i manga...

Girando sul web tra blog, forum, social e chi più ne ha più ne metta, se ne leggono - e a volte sentono - davvero di tutti i colori sul mercato manga in Italia. C'è sempre chi ha da ridire sulle scelte degli editori, chi vuole nuovi autori e chi rivuole quelli già editi e poi abbandonati, chi dice che c'è troppa roba commerciale in giro e chi non si stanca di voler leggere sempre la copia della copia della copia dell'ultimo successone. Tu cosa ne pensi? Di cosa ha davvero bisogno il mercato del fumetto in Italia?

Di nuova linfa e di nuovi lettori. Di gente che non compri solo gli stessi 4 manga ristampati 70 volte e di ragazzi che crescano con i manga: non è possibile che un sedicenne che legge Naruto a trent'anni stia ancora leggendo Naruto. Dovrebbe esserci un naturale ricambio generazionale. Forse non c'è.
Nel mio piccolo, portando i Bara manga (non gli yuri perchè ne abbiamo fatto uno e comunque ci sono editori che lo hanno fatto prima di noi e anche meglio) abbiamo aperto uno spiraglio che non c'era e portato alcuni lettori nuovi: gente che non leggeva fumetti ora che sa che ci sono quelli per i gay ha cominciato a comprarne anche di altri tipi e chi aveva smesso con i fumetti ha ricominciato.
Quando siamo andati in Giappone a presentarci, convinti che ci avrebbero risposto "Brutti froci andatevene!", ci è stato fatto il più bel complimento mai ricevuto da quando abbiamo intrapreso questa via: "E'' arrivato dall'Italia un progetto innovativo!". Sono soddisfazioni!

Una curiosità: il nome "Ren"books da cosa nasce? Io sono davvero ignorantissima per quello che riguarda la lingua, ma Nana insegna che Ren è il nome di un fiore, simile al fiore di loto, e in effetti il vostro logo somiglia parecchio al suo tatuaggio...

Ren è il fiore di loto. :) Tutto qua. Lo abbiamo scelto sia perchè siamo fan di Nana, sia perchè quando abbiamo deciso di cominciare avevamo trovato una casa che aveva dei fiori di loto nel giardino e quindi.. Ren c'è venuto naturale. Poi letto velocemente, Renbooks sembra "Rainbow" cioè arcobaleno e cosa rappresenta i gay meglio di una bandiera rainbow?


ancora mille grazie a nino per la sua collaborazione ♥ e tantissimi inboccaallupo a renbooks! continuate così!

12 commenti:

  1. Risposte
    1. ma grazie mille a te XD per l'intervista e per i complimenti! ♥

      Elimina
  2. Intervista interessante! Ammetto di non far proprio "parte dell'ambiente", nel senso che di fumetti/manga/comics non ho letti tantissimo in vita mia, però sto cominciando a interessarmene di più e leggere il punto di vista di qualcuno che invece ne fa parte è sicuramente interessante :D

    Tra l'altro, concordo con quello che ha scritto sulle scan: secondo me chi dice di apprezzare un'opera e poi non la compra e non sostiene l'artista non è un vero ammiratore, anzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, quella gente lì è quella che scredita il lavoro degli autori, il valore dell'opera e l'impegno dei fan che tentano di far conoscere qualcosa per vederla pubblicata, non per farla leggere a scrocco.
      leggete e spammate le serie in scansioni, ma per vederle pubblicate presto nel vostro paese!

      Elimina
  3. Intervista megacicciafigatissima!;D
    Vorrei tanto vedere Hourou Musuko pubblicato da Renbooks ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari! Firmerei col sangue! ;) Ma ancora è presto per pubblicare serie così lunghe... :-D

      Elimina
    2. io non lo conosco per niente °_°"

      Elimina
    3. Non so se si trova in scan. Ma in inglese qualcuno lo pubblica. ;) E' un bel manga e l'anno scorso c'era anche l'anime. ;)

      Elimina
    4. °_°
      lo cercherò è_é!

      Elimina
  4. Ma che bella intervista! Apprezzo molto il modo in cui Nino e i ragazzi della Renbooks si interfacciano coi lettori e gli interessati. Ti incentivano proprio a innamorarti di loro :P

    Sapevo da tempo della loro nascita ma li ho sempre seguiti in modo piuttosto superficiale. Ma ora me ne pento e vorrei recuperare quanti più loro volumi possibili: a quando una bella promozione come quella che avete fatto a Giugno? (Sì, Nino, mi rivolgo a te ;P Appena riproponete i volumi a 6€ l'uno, senza spese di spedizione, ti compro tutto il comprabile)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono proprio dei bravi ragazzi e dei bravi editori! come si fa a non volergli bene?

      tieni d'occhio la loro pagina facebook, fanno spesso un sacco di promozioni ^^

      Elimina
    2. Proprio ieri, ho ordinato un bel po' di roba approfittando della splendida promozione "Compra 3 volumi REN + Sorairo 1 e ricevi FREE Sorairo 2 & 3" *_*

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...